Sequestri tra Liguria, Piemonte e Calabria a quattro affiliati alla cosca Raso-Gullace-Albanese, già arrestati nel luglio 2016 nell’ambito dell’operazione ‘Alchemia, quando si scoprirono i loro interessi sui lavori per la realizzazione della Torino-Lione e il progetto per la creazione di un movimento Sì Tav spinto dalla ‘ndrangheta. Le indagini della Dia di Genova su Carmelo Gullace e la moglie Giulia Fazzarri hanno svelato la loro contiguità alla cosca che, scrive la Direzione investigativa antimafia, “è stata la vera e unica forza motrice della loro affermazione imprenditoriale” tra le province di Savona e Alessandria.

La Dia di Genova, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, diretta da Giovanni Bombardieri e su proposta dell’aggiunto Calogero Gaetano Paci e del sostituto Gianluca Gelso, sta eseguendo provvedimenti di sequestro per 15 milioni di euro. Tra i beni sequestrati ci sono quote di partecipazione e patrimonio aziendale di sette società, circa ventuno beni immobili, fabbricati e 36 terreni, numerosi conti correnti e beni mobili riconducibili alle società sequestrate in provincia di Reggio Calabria, Savona e Alessandria. Tutti riconducibili a Gullace (agli arresti domiciliari) e alla coniuge Fazzari (anche lei ai domiciliari), ma anche a Orlando Sofio e a Marianna Grutteria (entrambi in carcere).

Gullace è considerato figura apicale della cosca Raso-Gullace-Albanese, con ruolo direttivo e di comando, in quanto referente dell’articolazione ‘ndranghetistica in Liguria e in Piemonte per la risoluzione di controversie, per il mantenimento dei contatti con gli esponenti di spicco di altre articolazioni territoriali della ‘ndrangheta, per la condivisione di interessi imprenditoriali, anche al di fuori del territorio italiano, per il reimpiego di proventi delle attività illecite. Trasferitosi a Ceriale, nel Savonese, nel 1973 – per sfuggire alla guerra di mafia contro i Facchineri – ha lavorato inizialmente alle dipendenze di Francesco Fazzari come autotrasportatore, di cui sposò la figlia Giulia, ritenuta oggi partecipe e a completa disposizione della cosca. Il suo ruolo è stato quello di mantenere rapporti con gli amministratori dei comuni di Savona, finalizzati all’acquisizione di appalti pubblici, nonché di organizzare trasferte in Brasile per riciclare denaro attraverso l’acquisizione di proprietà immobiliari.

Altro destinatario dei provvedimenti di sequestro odierni è Orlando Sofio, ritenuto uomo di fiducia di Gullace col ruolo di referente piemontese, con incarico specifico di tenere i rapporti con la cosca Piromalli di Gioia Tauro, di reperire prestanome per l’intestazione fittizia delle attività imprenditoriali riconducibili e di curare gli interessi economici comuni con la cosca Gagliostro-Parrello di Palmi nell’ambito degli appalti per le pulizie in Calabria, nella produzione di lampade e nell’acquisto di autonoleggi in Lombardia.

Marianna Grutteria, in costante rapporto con Sofio, ha contribuito a rafforzare la cosca Raso-Gullace-Albanese espandendone la dimensione imprenditoriale attraverso la gestione occulta di imprese operanti in settori economicamente sensibili, tentando di infiltrarsi, con la compiacenza di esponenti politici ed imprenditoriali, nei sistemi di aggiudicazione dei lavori pubblici, attraverso il meccanismo dei subappalti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, minacce e intimidazioni: così la cosca Cordì controllava il mercato del pane e il cimitero di Locri. “Il camposanto è casa mia”

prev
Articolo Successivo

Mafia, traffico di cocaina dall’Olanda verso Barletta e Manfredonia: 7 arresti. C’è un filo con la strage di San Marco in Lamis

next