I periti del tribunale di Genova lo hanno scritto nero su bianco: per quanto riguarda la manutenzione del Ponte Morandi, “gli unici interventi efficaci risalgono a 25 anni fa. “Ci sono tante cose all’interno della perizia che mettono i brividi“, scrivi Luigi Di Maio su Facebook, ma questa “in particolare“. Perciò il vicepremier M5s chiede di “avviare al più presto il procedimento di revoca delle concessioni ad Autostrade per l’Italia“, la società della famiglia Benetton che della manutenzione del viadotto avrebbe dovuto occuparsi. Una posizione che, scrive, deve vedere “il governo unito” perché “è il miglior modo per onorare le vittime della tragedia”. Autostrade ha risposto a stretto giro con una nota in cui “rigetta in toto ogni accusa generalizzata di mancanza di manutenzione” e aggiunge che i difetti evidenziati dalla perizia “erano fortemente localizzati, derivavano prevalentemente da difetti di costruzione dell’infrastruttura realizzata negli anni 60 per conto dell’Anas e non erano tali da compromettere in alcun modo la capacità portante del Ponte”.

“Vedo che Aspi mi attacca nuovamente senza alcun motivo, visto che le mie dichiarazioni odierne fanno riferimento alla relazione dei tre periti del giudice per le indagini preliminari sul ponte Morandi”, replica il ministro. “Non è mia la relazione, questo non è un dibattito politico ma ci sono delle indagini e dei tecnici che stanno evidenziando delle gravi mancanze. È dunque inutile che Aspi tiri in ballo me o il M5S. Perché qui non c’è nessun complotto. Qui il punto è che o siamo tutti matti oppure Aspi, forse, ha torto. Farebbe meglio a chiedere scusa“.

La relazione dei tre periti nominati dal gip per il primo incidente probatorio, agli atti dell’inchiesta che sta conducendo la Procura di Genova sul crollo del ponte il 14 agosto 2018, ha certificato ciò che finora era sempre stato in parte asserito da relazioni di parte e ministeriali: i fili d’acciaio presenti dentro i tiranti della pila 9 del viadotto avevano un “grado elevato di corrosione“. Si erano consumati dal 50 al 100%. Spariti, in pratica, soprattutto per via di “fenomeni di umidità”. E la manutenzione? Nell’ultimo quarto di secolo, nessuno intervento efficace.

“È inaccettabile“, scrive Di Maio nel suo post. In particolare “la mancanza per 25 anni di interventi significativi di manutenzione, praticamente da quando la competenza ha smesso di essere dello Stato“, sottolinea il vicepremier. Che per questo torna a premere sulla revoca delle concessioni ad Aspi: “Il nostro compito – scrive – è anche quello di fare capire, a questi signori, che il governo adesso li controlla, per impedire che il profitto prevalga sul bene collettivo. Questo è il miglior modo per onorare le vittime della tragedia di Genova”. E, conclude Di Maio, “il governo unito su questo è la migliore risposta che possiamo dare alle loro famiglie”.

Autostrade replica augurandosi “che nella fase successiva si possa appurare cosa ha realmente determinato il crollo del Ponte e come mai nessuno dei sistemi e dei consulenti dedicati al monitoraggio abbiano”, sostiene, “mai evidenziato alcun rischio”. Aspi aggiunge inoltre che “i difetti evidenziati dalla perizia non erano tali da compromettere la tenuta del ponte” e che i suoi consulenti tecnici “hanno chiarito già ieri che la presenza di trefoli corrosi tra il 50% e il 100% era ridotta e non può in alcun modo aver avuto effetti sulla tenuta complessiva del Ponte”. Infine afferma che “nel periodo 2015-2018, fino al 14 agosto, sono state realizzate attività di manutenzione per ben 926 giorni-cantiere, pari ad una media settimanale di 5 giorni-cantiere su 7 giorni, con un investimento di circa 9 milioni di euro”.

Nonostante lo scontro tra il M5s e la famiglia Benetton vada avanti ormai da un anno, il 15 luglio scorso il consiglio di amministrazione di Ferrovie dello Stato ha individuato Atlantia, la holding controllata proprio dai Benetton, come partner da affiancare a Delta Airlines e al Tesoro per il salvataggio di Alitalia. Di Maio aveva festeggiato: “Un grande risultato. Poste le basi per il rilancio”. Ma poi aveva anche specificato: “Sulla revoca della concessione ad Autostrade non indietreggiamo di un solo centimetro”. Un messaggio anche agli alleati di governo, quella Lega che sul tema ha man mano raffreddato la sua posizione.

“Il Carroccio non faccia l’avvocato dei Benetton”, aveva avvertito un mese fa il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, dopo le polemiche sollevate dal parere steso dalla commissione di giuristi del suo dicastero. Una relazione in cui si traccia una possibile strada per la revoca delle concessioni ad Autostrade per l’Italia: sta nel fatto che il crollo del ponte Morandi ha comportato “la mancata restituzione di un bene” che la società doveva custodire e restituire integro. Un “grave inadempimento” che, secondo la lettura che ne fanno i Cinquestelle, potrebbe permettere la revoca unilaterale. I giuristi del Mit però sono molto più cauti in questo e rilevano come resti un alto rischio di contenzioso con Autostrade, motivo per cui caldeggiano una soluzione alternativa, che passa per la revisione della concessione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

De Luca: “Toninelli? Ministro al trucco e parrucco, sua relazione Tav vale come previsioni di Mamma Orsola, la maga di Napoli”

next
Articolo Successivo

Sondaggio Ipsos: gli italiani non credono alla crisi. Per il 63% il governo andrà avanti, nonostante le tensioni

next