Si trovava in una villetta a Santa Domenica di Ricadi, in provincia di Vibo Valentia, con la moglie e le due figlie. È finita così la latitanza di Domenico Crea, figlio del patriarca di Rizziconi, il boss Teodoro Crea. La squadra mobile di Reggio Calabria, supportata dagli agenti dello Sco e della questura di Vibo, lo ha arrestato stamattina all’alba al termine di un’indagine avviata nel 2015 quando il boss di 37 anni, si è dato alla macchia in seguito alla sentenza di condanna, in primo grado, nel processo “Toro”.

All’epoca, a Domenico Crea erano stati inflitti 15 anni di carcere per diversi reati tra cui associazione mafiosa ed estorsione. Da allora, Domenico Crea è stato colpito da numerosi provvedimenti restrittivi per associazione mafiosa ed estorsione ed è stato condannato in via definitiva, il 4 aprile scorso, a 21 anni di reclusione.

Dagli inquirenti è ritenuto il capo della consorteria mafiosa di Rizziconi, collegata e imparentata con la potente famiglia Alvaro di Sinopoli. Gli agenti della squadra mobile, guidati Francesco Rattà, hanno avuto la certezza giovedì sera della presenza del latitante all’interno della villetta. Eseguiti i servizi di osservazione, stamattina è scattato il blitz: Domenico Crea era in compagnia della moglie e delle due figlie minori ed è stato trovato in possesso di 5mila euro in contanti.

Adesso gli inquirenti stanno verificando la posizione dei due coniugi proprietari dell’immobile che era stato messo a disposizione del boss. Dopo la cattura nel gennaio 2016 di suo fratello Giuseppe, anche lui ex latitante, Domenico Crea ha assunto il ruolo di capo indiscusso della cosca. All’epoca, il fratelo Giuseppe era inserito tra i 10 ricercati più pericolosi d’Italia. Non è un caso che si nascondeva in un bunker dove la polizia aveva rinvenuto un vero e proprio arsenale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, 10 fermi tra gli affiliati alla cosca Cordì di Locri: “Estorsioni a imprese edili e monopolio nella gestione del cimitero”

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, minacce e intimidazioni: così la cosca Cordì controllava il mercato del pane e il cimitero di Locri. “Il camposanto è casa mia”

next