È partita dal ministero dei Trasporti poco dopo la mezzanotte la lettera con cui l’Italia conferma all’Unione Europea la sua volontà di portare a termine la costruzione dell’alta velocità sulla Torino-Lione. Nel testo si fa riferimento al “discorso del presidente Conte del 23 luglio scorso” nel passaggio in cui si afferma che “costerebbe di più bloccarla che farla”, anche “ in considerazione dei maggiori impegni di spesa dell’Europa” e per questo “conferma l’impegno italiano in nome dell’interesse nazionale”

La lettera, per cortesia istituzionale, è stata inviata anche al governo francese, con il quale ci sono stati frequenti contatti fino a giovedì pomeriggio per limare tutti i passaggi del testo. In calce alla missiva non c’è al firma del ministro Danilo Toninelli, che continua a dirsi contrario all’opera, ma solo quella dei funzionari del suo ministero. Nelle scorse settimane la Commissione europea aveva chiesto a Italia e Francia di chiarire le rispettive posizioni sull’opera e mercoledì il presidente del Consiglio aveva annunciato la volontà sua e del governo di portare a termine la tratta ferroviaria che collegherà il capoluogo piemontese a Lione.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, il consiglio comunale ha approvato l’estensione delle “zone Daspo”. Ma la maggioranza si spacca per la prima volta

next
Articolo Successivo

Tav, mozione M5s per il no in Parlamento. Di Maio: “No regali a Macron”. Lega: “Favore alla Francia? Loro voto a von der Leyen”

next