“È il sesto anno che faccio il sindaco ma mai mi sarei aspettato una donazione di 497 mila euro”. A parlare è il primo cittadino di Sanremo che nei giorni scorsi ha avuto in regalo da un’artista russa l’ingente somma che servirà a comprare dei prefabbricati per ospitare 700 ragazzi della scuola media e superiore “Pascoli”. A fare questa elargizione è Elena Sivoldaeva, 45 anni, residente a Montecarlo ma innamorata della città ligure al punto da farsi benefattrice per essa.

Una storia iniziata per caso da una telefonata arrivata in Comune dall’hotel Miramare, uno dei due cinque stelle della città: “Sindaco una nostra ospite russa vorrebbe incontrarla”. Un invito arrivato in giorni burrascosi: “Avevo da poco avuto la notizia dalla ditta alla quale avevamo affidato l’incarico che la “Pascoli” era inagibile – spiega il primo cittadino Alberto Biancheri – Mi sono trovato con 700 ragazzi da sistemare da un momento all’altro e non avevo certo tempo di incontrare una turista. Alla fine ho ceduto”.

Un incontro cordiale avvenuto a Palazzo, dove l’artista russa si è presentata accompagnata da un’interprete: “Amo Sanremo. È la prima volta che soggiorno qui – ha spiegato Sivoldaeva –, è una città meravigliosa e ospitale. Vorrei fare qualcosa per la comunità”. A quel punto Biancheri non ha perso l’occasione per parlare della scuola “Pascoli” e dell’emergenza scolastica. Ha portato l’artista straniera a visitare la scuola e le ha mostrato il luogo dove avrebbe intenzione di piazzare i fabbricati. Nemmeno il tempo di finire di parlare che il sindaco è stato interrotto dalla benefattrice: “Ho capito, va bene, pago tutto io”.

Una risposta che ha lasciato di stucco il primo cittadino: “Non me l’aspettavo. Insieme abbiamo scelto i prefabbricati e siamo riusciti a dare il meglio alla nostra città. A metà settembre – spiega Biancheri – arriveranno 16 aule e due uffici. La signora Sivoldaeva ha voluto scegliere i più belli, li ha voluti colorati e dotati di impianto di raffreddamento e riscaldamento. Ogni aula ha un’uscita d’emergenza”.

Il primo cittadino è ancora incredulo. Della signora russa sa ben poco: “È una donna aristocratica ma molto semplice. Non è la prima volta – spiega il primo cittadino – che compie gesti di beneficenza. Abita a Montecarlo, dove ha anche dei negozi. Crea gioielli e composizioni di fiori ma gira spesso in Europa, dove non si è mai sottratta all’impegno di dare una mano ai Comuni che ha incontrato”. Di lei si sa che ha devoluto fondi anche per promuovere progetti a sostegno dei più deboli e nell’ambito delle invalidità e disabilità. In Italia ha contribuito anche a ricostruire una scuola distrutta dal terremoto in Centro Italia e in Liguria ha dato un importante contributo economico per il rifacimento del ponte Morandi. “Ora – continua il sindaco – sarà invitata all’inaugurazione dei prefabbricati, ma stiamo anche pensando di darle un’onorificenza o di nominarla cittadina onoraria di Sanremo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, la Città Metropolitana alle scuole: “No soldi per banchi e sedie”. Presidi in allarme. Vicesindaco: “Stiamo risolvendo”

prev
Articolo Successivo

Friuli-Venezia Giulia, per i sistemi di videosorveglianza in scuole e case di riposo istituito fondo da 3 milioni

next