“Non si è voluto sentire ragione, Conte è stato mal consigliato perché i modi per sospendere il Tav c’erano”. Il Senatore M5s Alberto Airola si sfoga a due passi dal Senato dopo aver ascoltato le parole del presidente Conte: “I 5 Stelle nel governo hanno molto più potere contrattuale di quanto pensino e non lo usano questa è l’accusa che io rivolgo alla nostra dirigenza, perché Salvini non vuole andare ad elezioni ma tenere questo governo in piedi”. La posizione espressa da Di Maio? Non la condivido perché è una posizione pilatesca, un modo per lavarsi le mani del fatto che Conte abbia detto sì, quando poteva dire no. Ora noi voteremo no, saremo bravi a votare contro il Tav mentre tutti gli altri voteranno a favore. Quello di Di Maio è un imbroglio”. Airola comunque non pensa di lasciare, almeno per ora la carica di senatore né di lasciare il Movimento. “Sono uno dei pochi 5 Stelle rimasti, sono loro che dovrebbero dimettersi in massa, non io.

Molti di noi non capiscono questa del Tav è una battaglia identitaria. Resterò a combattere. Ho sentito poco fa Perino che mi ha detto ‘non ti devi dimettere’ e forse ha ragione. Toninelli? Probabilmente salterà e metteranno un altro ministro 5 stelle più compiacente. Di fatto così – prosegue il senatore pentastellato – questo governo non va avanti: o noi rimettiamo in equilibrio le nostre esigenze e le nostre proposte con la Lega oppure la Lega può andare con Berlusconi che è molto più capace di noi a stringergli i cosiddetti”. Grillo? “Mi ha detto di stare tranquillo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tav, Di Maio dopo il via libera di Conte: “Per M5s era resta un’opera dannosa. Decida il Parlamento”

next
Articolo Successivo

Tav, Taverna: “No tutta la vita, opera inutile”. Fraccaro: “Nessuna giravolta”

next