La Digos di Torino sta analizzando le immagini delle telecamere dislocate nell’area boschiva vicino al cantiere della Torino-Lione al fine di individuare gli autori dei lanci di bombe carta e pietre avvenuti nella notte tra sabato e domenica. Nel corso della dimostrazione No Tav, che ha portato alla denuncia di numerosi attivisti del movimento che si oppone alla nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità, sono stati anche esplosi razzi di illuminazione nautica, uno dei quali ha provocato un principio di incendio nell’area boschiva, spento grazie all’intervento delle forze dell’ordine e dei tecnici del cantiere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Santa Maria di Leuca, maxi yacht si schianta sulla banchina e distrugge barca a vela

next
Articolo Successivo

Carola Rackete, il 3 ottobre la comandante della Sea Watch parlerà al Parlamento Ue

next