“Il leghista Simone Pillon mente sapendo di mentire. Vuole nascondere la sconfitta”. Il Pd parte all’attacco del senatore Pillon, autore del disegno di legge sull’affido condiviso. Se i democratici esultano per lo slittamento della discussione in commissione giustizia a settembre, rivendicando come sia passata la linea del Pd contraria al provvedimento, era stato invece lo stesso senatore leghista a rivendicare come fosse stato confermato “all’unanimità di tutti i gruppi parlamentari” relatore della riforma, con il compito di riscrivere il testo unificando i sei ddl già depositati. In pratica, con il presunto assenso pure del Pd, secondo il relatore.
Ma i democratici smentiscono, a margine di una conferenza in Senato sulla riforma. “Il regolamento è chiaro: il mandato al relatore si può votare quando è un provvedimento è pronto per l’Aula. Non c’è stato alcun vototanto meno del Partito democratico, qui c’è il presidente della commissione che ha scelto il relatore, confermando Pillon”, si difende Maria Elena Boschi. Ma non è l’unica: “La commissione ha affidato a Pillon il compito di riunificare i vari testi e presentare un nuovo testo. Ma non c’è stato alcun voto. Il Pd è ben consapevole che ridare il mandato a Pillon significa ritrovarsi gli stessi contenuti del provvedimento che contestiamo”, spiega la senatrice Valeria Fedeli. E la collega Valente aggiunge: “Sostegno dal Pd? Macché, capiamo la difficoltà di Pillon, ma è stata la maggioranza a confermare Pillon. Tra l’altro, anche si fosse votato, i numeri di Lega e M5s sono maggioritari”. Boschi infine ha poi attaccato i 5 Stelle: “Il M5s può fare la differenza, ma per ora ha scelto di allinearsi alla Lega
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Anac, Di Maio: “Cantone persona leale nei confronti dello Stato e di qualsiasi Governo. Gli faccio i migliori auguri”

prev
Articolo Successivo

Conte: “Non realizzare il Tav costerebbe più che completarlo. Solo Parlamento può decidere di non farlo”

next