Non bastano il rinvio della discussione in commissione Giustizia a settembre, né la decisione di riscrivere un testo per la riforma dell’affido condiviso unificando le diverse proposte, compito affidato comunque allo stesso contestato senatore leghista Simone Pillon.  Per “Non una di meno” e le associazioni tornate nelle piazze di tutta Italia per contestare il disegno di legge, tutti i testi vanno ritirati: non solo il ddl Pillon, considerato “inemendabile”, ma anche le proposte di legge collegate. “C’è una partita che si gioca dentro il governo. Dal sottosegretario Spadafora e dai 5 Stelle soltanto annunci, ma non hanno mai nemmeno ritirato le firme sulla proposta di legge Pillon”, hanno attaccato nel corso di un sit-in organizzato in piazza Montecitorio. Né le donne e le associazioni scese in piazza si sentono rassicurate dallo slittamento: “Non ci fidiamo di questo governo. Già avevano parlato di archiviazione, poi hanno ritirato fuori tutto”, hanno attaccato. Presenti in piazza pure l’ex segretaria Cgil Susanna Camusso e l’ex presidente della Camera Laura Boldrini: “Se ci fidiamo che il M5s stoppi una riforma come quella Pillon? Il M5s si è salvinizzato senza nemmeno accorgersene, hanno perso l’anima”, ha attaccato la deputata di Leu. E anche le associazioni chiedono più coraggio ai pentastellati: “Il M5s ci metta la faccia“, rivendicano
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicurezza bis, governo pone fiducia e il Pd protesta: “Vergogna”. Applausi dalla Lega

prev
Articolo Successivo

Boldrini attacca il M5s: “Salvini non ha risposto a convocazione di Fico, da voi silenzio assordante”

next