Francesco Pelle, il boss di San Luca, uno dei protagonisti della faida che ha insanguinato il piccolo paese dell’Aspromonte, è di nuovo latitante. “Ciccio Pakistan“, a Milano con l’obbligo di dimora, ha fatto perdere le sue tracce dopo che la Cassazione, una quindicina di giorni fa, aveva rigettato il suo ricorso contro la condanna all’ergastolo perché considerato il mandante della strage del Natale 2006.

Episodio maturato nell’ambito della faida e che rappresenta il prologo dell’agguato di Duisburg (Germania) del Ferragosto successivo in cui furono uccise sei persone. L’origine della faida viene fatta risalire ad un banale scherzo di Carnevale – il lancio di uova all’interno di un circolo ricreativo nel 1991 – ma con gli anni è parso evidente a tutti che lo scontro armato che ha provocato decine di vittime, si poggiava su ben altro: la ferrea volontà delle due cosche di imporre il proprio predomino a San Luca, ritenuta la culla della ‘ndrangheta anche in senso figurato, con le annuali riunioni dei boss di tutte le cosche nel Santuario di Polsi in occasione della festa della Madonna della Montagna. Un predominio cercato, però, soprattutto per i ritorni economici che ne derivano nella gestione degli affari sporchi.

In questo contesto, l’epilogo – che ha anche segnato la fine della faida – prende le mosse dall’agguato subìto dallo stesso Pelle. Era il 31 luglio 2006 e quel giorno Pelle era affacciato al balcone di casa tenendo in braccio il primogenito appena nato. Questo non gli evitò una fucilata che gli lesionò la spina dorsale, costringendolo da allora sulla sedia a rotelle. Pelle avrebbe ordinato l’omicidio del suo rivale storico, Giovanni Luca Nirta. Organizzandolo nel giorno di Natale del 2006. L’obiettivo designato, però, sfuggì ai sicari sotto i colpi dei quali cadde invece la moglie, Maria Strangio, mentre un bambino ed altre tre persone rimasero ferite. Fu questo l’episodio scatenante che portò, nel Ferragosto successivo (altra data simbolica), all’agguato davanti al ristorante “da Bruno” a Duisburg, in cui furono uccise 6 persone. Strage che per la giustizia è stata organizzata dal cugino di Maria Strangio, Giovanni, che vi avrebbe anche partecipato. I due nemici furono condannati insieme all’ergastolo in appello nel maggio del 2014, Pelle per la strage di Natale e Strangio per quella di Ferragosto.Il boss, arrestato dagli uomini del Ros in una clinica di Pavia nel settembre 2008 dopo un anno di latitanza, era uscito dal carcere un anno fa, sottoposto all’obbligo di dimora a Milano in attesa della Cassazione. Ma adesso si è reso nuovamente irreperibile. Ed a San Luca qualcuno comincia a temere. In libertà, infatti, si trova anche Giovanni Luca Nirta, scarcerato dopo avere espiato una condanna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aemilia, in 3mila pagine di sentenza la storia della ‘ndrangheta al Nord: “Autonoma ma fedele. Moderna e presentabile per fare affari”

next
Articolo Successivo

Cosenza, duplice omicidio nelle campagne di Corigliano Rossano: uccisi nella loro auto un imprenditore e un sorvegliato speciale

next