Il Ministro dell’Interno Matteo Salvini è arrivato a Genova martedì mattina per annunciare l’acquisizione da parte del Comune di Genova e il successivo affidamento ad associazioni no profit di 42 dei 115 locali confiscati alla criminalità organizzata nel capoluogo ligure e fermi da anni tra rischio crolli, affitti non pagati ai condomini e presenza di attività illecite al loro interno.

Un primo passo reso possibile dal pressing del Cantiere per la Legalità Responsabile, che in questi anni non ha mai smesso di fare pressioni sulle istituzioni sul riutilizzo a uso sociale dei locali, ma anche dello sforzo profuso in questi mesi dall’Assessore comunale Pietro Piciocchi e dall’Agenzia per i Beni Confiscati.

Tuttavia le associazioni hanno preso in carico locali fortemente danneggiati e non si sa se i 500 mila euro stanziati dalle istituzioni locali saranno sufficienti a intervenire per la messa in sicurezza e il restauro anche parziale dei rimanenti locali attualmente abbandonati, per questo chiedono un potenziamento dell’Agenzia.

Rispetto alle dure critiche sollevate sulla possibilità, inserita nel decreto sicurezza, di vendere i beni confiscati a privati, che per don Luigi Ciotti e il Procuratore Nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho, comportano alti rischio riacquisto da parte di presta nome delle mafie e perdita della valenza ‘sociale’ delle confische, Salvini liquida le osservazioni come: “Fesserie, figuriamoci se lo Stato non è in grado di accorgersi se i beni vengono riacquistati da parenti dei mafiosi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondi Lega, Salvini: “Savoini? Lo conosco da 25 anni, corretto fino a prova contraria. Con Russia solo legame culturale”

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Maio: “Alle regionali non più come unica lista ma con movimenti e comitati”. Rimane la regola dei due mandati

next