La Corte d’Assise d’Appello di Milano ha deciso di riaprire l’istruttoria nel processo di secondo grado a carico di Stefano Binda, il 51enne già condannato all’ergastolo per l’omicidio di Lidia Macchi a Cittiglio, nel Varesotto, nel 1987. I giudici hanno accolto la richiesta della difesa dell’imputato di sentire Piergiorgio Vittorini, il penalista bresciano al quale si sarebbe rivolto un uomo per dichiarare di essere il vero autore di ‘In morte di un’amica‘, il testo inviato dal presunto killer alla famiglia della giovane il giorno dopo il delitto, e anche due consulenti grafologici.

Nella prossima udienza del 18 luglio verrà sentito l’avvocato Vittorini. Il legale, che era stato chiamato a testimoniare davanti alla Corte d’Assise di Varese, in primo grado si era avvalso del segreto professionale. Secondo l’avvocato Daniele Pizzi, che assiste i familiari della giovane che si sono costituiti parte civile, il teste Vittorini dovrà “venire in aula e dire chi è l’autore della lettera anonima”.

Binda, arrestato nel 2016, si è sempre proclamato innocente, raccontando che nei giorni in cui Lidia venne uccisa era in vacanza con altri appartenenti a Comunione e Liberazione a Pragelato, in Piemonte. Tra gli elementi che hanno fatto riaprire il ‘cold case’ (le indagini furono avocate dalla Procura generale di Milano che le tolse ai pm di Varese) e hanno portato alla condanna all’ergastolo c’è soprattutto la consulenza grafologica sulla poesia.

E sempre durante la prossima udienza verranno sentiti i due consulenti grafologici, uno dell’accusa e l’altro della difesa, e non è escluso che la Corte d’Assise d’Appello, dopo il confronto tra i due periti, possa ordinare una nuova maxi perizia. “Siamo molto contenti della riapertura dell’istruttoria, ci abbiamo puntato molto – ha detto Patrizia Esposito, difensore di Binda insieme al collega Sergio Martelli – ci fa piacere che la Corte abbia deciso così per ragioni di tipo tecnico, processuale”.

“Mi aspetto che Stefano Binda dica la verità”, ha detto Paola Bettoni, la madre di Lidia Macchi, durante una pausa dell’udienza. “E’ sempre molto dura vederlo, lui non mi ha guardata, non mi ha mai rivolto la parola o rivolto uno sguardo”. Sulla lettera anonima inviata alla famiglia della ragazza, e considerata decisiva dagli inquirenti, la madre di Lidia ha aggiunto: “Quando è arrivata, il giorno del funerale, ho subito pesato che fosse stata scritta dall’assassino. Quando l’ho letta, mi ha dato impressione che descrivesse la morte di mia figlia”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carola Rackete querela Matteo Salvini: “Chiudere i profili Twitter e Facebook, istigano a delinquere”

prev
Articolo Successivo

Luca Palamara, collegio disciplinare del Csm ha sospeso il pm dalle funzioni e dallo stipendio

next