La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta sulla crisi dei rifiuti nella Capitale. Il procuratore aggiunto Nunzia D’Elia ipotizza, infatti, la violazione dell’articolo 256 sull’attività di gestione non autorizzata dei rifiuti. I pm hanno aperto il fascicolo in relazione alle decine di denunce di privati cittadini – con foto allegate – e di diverse associazioni che hanno lamentato disagi per la mancata raccolta. Negli esposti si parla di responsabilità dell’Ama e dell’amministrazione capitolina, ma ovviamente starà ai magistrati determinare le effettive cause che hanno portato all’emergenza.

Proprio in questi giorni, il Comune di Roma sta dando attuazione all’ordinanza della Regione Lazio che prevede di ripristinare il decoro in città entro 7 giorni – poi diventati “massimo 15” su concessione del ministro Sergio Costa – Per farlo si stanno cercando anche costosi accordi con siti di smaltimento esteri, in primis in Svezia, dove consegnare il cosiddetto “tal quale“, immondizia raccolta e non trattata. “Da lunedì e martedì tutti gli impianti hanno aperto, Ama sta lavorando al massimo, quindi nel più breve tempo possibile la città sarà pulita”, ha ribadito in mattinata Virginia Raggi. Ottimista anche Nicola Zingaretti: “A me sembra che l’ordinanza regionale, che ho sottoscritto, funziona. Grazie alla collaborazione di tutti, del Comune, di Ama, del management, dei lavoratori che stanno operando a pieno ritmo, delle aziende che stanno raccogliendo i rifiuti ospitando il materiale prodotto”.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

L’orto ecologico d’estate: consigli per risparmiare acqua

next
Articolo Successivo

L’ecotassa francese sui biglietti aerei è insufficiente. E alternative valide c’erano

next