Niente da fare: Cesare Previti, ex ministro della Difesa ed ex legale di fiducia di Silvio Berlusconi, deve rassegnarsi a rinunciare al vitalizio tolto quattro anni fa dall’Ufficio di presidenza della Camera a lui e ad altri cinque ex onorevoli ultraottantenni condannati in via definitiva a pena superiore ai due anni. Lo hanno stabilito le Sezioni unite civili della Cassazione, con un verdetto depositato lo stesso giorno in cui hanno dichiarato inammissibile il ricorso di un ex parlamentare contro il taglio dei vitalizi deciso un anno fa dall’ufficio di presidenza della Camera. Le Sezioni Unite hanno concordato con l’Avvocatura dello Stato nel dire che la materia è “devoluta agli organi di autodichia della Camera dei deputati”.

Gli ‘ermellini’ hanno di conseguenza dichiarato “il difetto assoluto di giurisdizione” del Tribunale di Roma ad occuparsi della legittimità o meno dello stop al vitalizio dell’ex ministro. Previti è stato con sentenza definitiva pronunciata dalla Suprema Corte il 4 maggio 2006. Ha evitato il carcere – è stato solo per pochi giorni a Rebibbia – solo per effetto della legge ex Cirielli. Il vitalizio che l’ex ministro riceveva dal primo agosto del 2007 gli è stato revocato dal quattro ottobre 2016. Previti aveva chiesto al Tribunale di Roma di dichiarare l’illegittimità della revoca e di condannare la Camera a pagargli gli arretrati non versati con “interessi legali e rivalutazione monetaria dalle singole scadenze al soddisfo”.

Ad avviso delle Sezioni Unite, “le denunce di Previti in merito alla mancanza di indipendenza e imparzialità degli organi dell’autodichia non sono da accogliere” perché “a partire dai Decreti presidenziali nn. 81 ed 89 del 1996, la Camera dei deputati si è dotata di una struttura decisionale di autodichia che assicura il rispetto dei principi di precostituzione, imparzialità e indipendenza dei collegi previsti per la risoluzione delle controversie” in conformità con quanto previsto dalla Corte di Strasburgo. Inoltre, prosegue il verdetto, i collegi di giustizia interni alla Camera “pur inseriti nell’ambito delle amministrazioni in causa, garantiscono, quanto a modalità di nomina e competenze, che la decisione delle controversie in parola sia assunta nel rispetto del principio di imparzialità, e al tempo stesso assicurano una competenza specializzata nella decisione di controversie che presentano significativi elementi di specialità”.

Come nel caso del taglio ai vitalizi, anche per Previti non è da escludere la possibilità che il caso finisca alla Consulta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vitalizi, Cassazione dichiara inammissibile ricorso di ex parlamentare contro tagli. Di Maio: “Via 280 milioni di privilegi”

prev
Articolo Successivo

Taglio parlamentari, ddl costituzionale approvato al Senato: 180 sì. Ora resta solo il voto finale alla Camera

next