“L’avviso di garanzia è relativo al caso della signora di Catania Alessandra Giordano, nostra associata. Mi telefonò dicendo che era disperata”. Lo racconta Emilio Coveri, presidente di Exit Italia, associazione che promuove il diritto all’eutanasia, che ha ricevuto un avviso di garanzia a Torino per il caso di una donna deceduta lo scorso marzo in una clinica svizzera che pratica il suicidio assistito. “Mi chiese come fare per andare in Svizzera. I suoi parenti però non l’avrebbero accompagnata o assecondata, allora io le ho solo consigliato di partire. Io non me la prendo con il giudice, aspetto che mi chiami per spiegargli ma non rinnego nulla, di sicuro non c’è stata istigazione al suicidio. Ci chiamano 90 persone disperate a settimana e noi possiamo solo dare informazioni. Ciò che ci amareggia è l’atteggiamento della famiglia: dove sta la carità cristiana qua?” ha spiegato il responsabile dell’associazione

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, rapina allo stadio Dall’Ara: rubati da 20mila euro degli abbonamenti

prev
Articolo Successivo

Nave Alex, i deputati di Leu e la società civile: chi ha creato la ong Mediterranea

next