Nove persone arrestate, 8 delle quali minorenni, per le violenze contro Antonio Cosimo Stano, 65 anni, morto ad aprile dopo essere stato picchiato e torturato nella sua casa a Manduria, nel Tarantino. Ma non solo: perché nel capo d’imputazione per i nuovi arresti, disposti dopo gli otto di maggio nei confronti di un’altro gruppo di bulli, è stata ricostruita anche l’aggressione per “puro passatempo” di un altro uomo, 53enne, affetto da insufficienza mentale grave colpito con calci e pugni fino a provocargli la rottura dei denti incisivi.

Le accuse dei magistrati della procura ordinaria guidata da Carlo Maria Capristo e quella dei minorenni coordinata da Pina Montanaro sono nuovamente di tortura, lesioni, danneggiamento e violazione di domicilio aggravati. Da anni Stano, in un contesto che il prefetto Vittorio Saladino aveva definito di “silenzio assordante” da parte della comunità., era vittima delle incursioni nella sua casa, soprattutto in ore notturne, da parte di alcuni gruppi di giovani del paese in provincia di Taranto.

Qualche settimana prima della morte, Stano era stato ricoverato d’urgenza per astenia e stato confusionale, quando terrorizzato e già in precarie condizioni igieniche e di salute, aveva deciso di rinchiudersi (privandosi di cibo) perché ripetutamente vittima di “incursioni” da parte del gruppo di giovani che lo sottoponevano a vessazioni, percosse, angherie ed aggressioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Intercettazioni, Caterina Malavenda: “Carcere per i giornalisti? Come sparare con il bazooka contro una formica”

prev
Articolo Successivo

Giustizia, tutto il mondo è paese: anche in Spagna il germe del potere ha infettato i magistrati

next