Franca Leosini torna con due puntate speciali di Storie Maledette dedicate al caso dell’omicidio di Marco Vannini, il ragazzo di 22 anni ucciso da un colpo di pistola la notte del 17 maggio 2015 nella casa della sua fidanzata a Ladispoli. La “regina” della cronaca nera in tv torna così protagonista della prima serata di Rai3 con un’intervista esclusiva a Antonio Ciontoli, il padre della fidanzata di Vannini e sottufficiale di Marina distaccato ai Servizi Segreti, condannato a 14 anni di reclusione per omicidio volontario dalla Corte d’Assise di Roma, una pena ridotta poi in Appello a 5 anni per omicidio colposo.

Lo speciale sarà suddiviso in due puntate che andranno in onda a distanza ravvicinata, domenica 30 giugno e martedì 2 luglio, affrontando uno dei casi di cronaca più dibattuti degli ultimi anni. Franca Leosini torna così in onda a sei mesi di distanza dall’ultimo speciale del suo programma, dedicato alla strage di Erba, e racconterà le ultime novità dell’inchiesta su Vannini. È di questi giorni infatti la notizia dell’indagine a carico dell’ex comandante della stazione dei carabinieri di Ladispoli Roberto Izzo, accusato di favoreggiamento e falsa testimonianza.

L’omicidio Vannini negli ultimi 4 anni è diventato un caso prima mediatico e poi anche politico, quando la ministra della Difesa, Elisabetta Trenta, si è rivolta ai genitori di Marco assicurando il suo impegno “fin quando sarò io a guidare il ministero, affinché al signor Ciontoli non sia concesso il reintegro in forza armata”. Le polemiche sono aumentate in particolare dopo che in secondo grado la pena per Antonio Ciontoli è stata ridotta da 14 a 5 anni, visto che i giudici hanno ritenuto l’omicidio colposo e non più volontario. Il resto della famiglia, la moglie Maria Pezzillo e i figli Martina e Federico, sono stati condannati a 3 anni. Unica assolta la fidanzata di Federico, Viola Giorgini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francesca Cipriani contro Walter Nudo: “È gay, ha passato San Valentino in hotel con un uomo”

prev
Articolo Successivo

Dritto e Rovescio, Paolo Del Debbio furioso col pubblico: “Vi hanno bombato? Mi fate parlare? Vengo giù e vi do una scarica di ceffoni”

next