Bonus bebè, assegni per gli asili nido e sconti fiscali per chi ha figli o familiari a carico. Sono diversi gli aiuti alle famiglie già previsti dalla legislazione italiana. Una serie di sussidi che il vicepremier Luigi Di Maio punta ancora a semplificare e implementare con le risorse risparmiate rispetto a quelle previste per il reddito di cittadinanza, nonostante da più parti si chieda di non spendere quei soldi per ridurre il deficit. I modelli a cui ispirarsi in Europa sono molti. Da quello francese, che prevede fino a 2.200 euro l’anno per chi ha bimbi piccoli, a quello tedesco, che con il Kindergeld riconosce un sostegno economico per tutti i figli. Le deduzioni fiscali, come ricorda un rapporto di Yoopies, piattaforma per l’accesso ai servizi di assistenza all’infanzia, sono l’unico strumento comune a tutti gli Stati membri, anche se con notevoli variazioni da Paese a Paese. I paesi nordici, Danimarca in primis, sono in pole position per quanto riguarda l’accesso ai sussidi e alle sovvenzioni per le famiglie. Berlino e Londra, invece, dopo anni di arretratezza, stanno ora recuperando. Fanalino di coda i paesi del Mediterraneo, Spagna e Italia, con politiche meno generose o meno accessibili. Ma vediamo nel dettaglio cosa succede in ogni paese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Truffati banche, c’è il decreto sui rimborsi: ecco chi ne ha diritto e come chiedere l’indennizzo

prev
Articolo Successivo

Case vacanza, dieci regole per prendere o dare in affitto un appartamento: dal contratto alle novità anti evasione

next