Il modello francese, il primo a cui il leader M5s ha detto di volersi ispirare, è meno generoso di quello tedesco, ma ugualmente importante. Secondo gli ultimi dati, risalenti al 2017, infatti, i Centri francesi per l’assegnazione degli aiuti alla famiglia, hanno dato supporto a 31,6 milioni di beneficiari, vale a dire 12,6 milioni di nuclei familiari, investendo 73,2 miliardi di euro. Il primo importante sussidio previsto da Parigi è il cosiddetto bonus bebè, molto simile a quello italiano. Alla nascita del figlio, una famiglia ha diritto al premio di nascita, pari a circa 930 euro per ogni neonato. Il premio rientra tra le “Prestazioni di accoglienza del bambino” (Paje) e spetta solo a chi ha un reddito annuo inferiore ai 35.872 euro, che salgono a 45.575 se lavorano entrambi i genitori. Sempre con un tetto di reddito, fino ai tre anni del bambino è previsto inoltre un allocation de base, vale a dire un assegno percepito mensilmente per far fronte alle spese del piccolo. La somma varia dai 92 euro ai 185, a seconda del reddito, e può essere percepita anche dai genitori adottivi per massimo 36 mesi dopo l’adozione. Dal secondo figlio in poi, il supporto viene riconosciuto automaticamente alla famiglia che ne ha bisogno, e corrisposto fino al ventesimo anno del figlio. Gli importi variano a seconda del reddito, ma, dal terzo figlio in poi, crescono in proporzione all’età del bambino. Con essi cresce anche la soglia di reddito, che arriva fino a 53mila euro. Previsti anche dei sussidi per l’assistenza all’infanzia, utili al pagamento di babysitter o per l’organizzazione di micro asili. Il governo si fa infatti carico di parte della spesa, fino a massimo l’85% dell’importo e massimo fino a 50 euro al giorno, per assumere un’assistente all’infanzia. L’importo è inversamente proporzionale al reddito. Tra le possibilità anche quella di mettere in piedi degli asili nido di quartiere, anche questi ampiamente sostenuti dallo Stato. Se uno dei due genitori decide di rimanere a casa per prendersi cura del bambino dopo la nascita, inoltre, è previsto un ulteriore sussidio, a patto di aver lavorato almeno due anni in precedenza. Infine, anche in Francia sono previste detrazioni fiscali per figli a carico. In particolare per chi ha bambini sotto i sei anni viene detratto il 50% del costo relativo all’assistenza, pari a massimo 1150 euro all’anno per servizi fuori casa e massimo 7500 euro annuali per la cura a domicilio.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Truffati banche, c’è il decreto sui rimborsi: ecco chi ne ha diritto e come chiedere l’indennizzo

next
Articolo Successivo

Case vacanza, dieci regole per prendere o dare in affitto un appartamento: dal contratto alle novità anti evasione

next