Il plenum del Consiglio superiore della magistratura ha preso atto delle dimissioni del consigliere Gianluigi Morlini e lo ha assegnato al tribunale di Reggio Emilia con funzioni di giudice (ruolo ricoperto prima di approdare a Palazzo dei marescialli, ndr). Morlini si era dimesso ieri dopo la notizia del procedimento disciplinare a suo carico e degli altri tre togati di Magistratura Indipendente Corrado Cartoni, Antonio Lepre, Paolo Criscuoli, che si erano autosospesi per la vicenda degli incontri con l’ex presidente dell’Anm Luca Palamara e i deputati del Pd Cosimo Ferri e Luca Lotti, sulla nomina del nuovo procuratore di Roma e sui futuri assetti delle procure Era stato il procuratore generale della Cassazione, Riccardo Fuzio, a promuovere l’azione disciplinare nei confronti di Morlini e degli altri tre consiglieri togati del Csm.

Dopo la presa d’atto delle dimissioni di Morlini, il plenum ha eletto Michele Ciambellini, di Unicost, e Giovanni Zaccaro, di Area, per far parte della sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura come componenti supplenti.

Sostituiranno lo stesso Gianluigi Morlini, che si è dimesso, e di Paolo Criscuoli, che invece si è soltanto autosospeso, decidendo però di lasciare la disciplinare. Intanto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha firmato la richiesta di procedura disciplinare nei confronti di Corrado Cartoni, Paolo Criscuoli e Antonio Lepre, oltre che nei confronti di Luigi Spina e Gianluigi Morlini, già dimessi dal Csm.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Di Maio delegittimato dal voto su Rousseau? Si esprimano iscritti M5s. Mi interessa lavorare”

next
Articolo Successivo

Rifiuti, sversamenti in terreni agricoli tra Roma e Latina: 23 indagati. Anche Luca Fegatelli, dirigente della Regione Lazio

next