Lezione d’arabo a scuola e scoppia la polemica. Accade a Cernusco sul Naviglio dove in una classe seconda elementare dell’istituto comprensivo “Rita Levi Montalcini” nei giorni scorsi si è tenuto un incontro interculturale di quattro ore pagato dall’amministrazione comunale. A prendersela con la scuola è la consigliera comunale della Lega, Paola Malcangio, che sul suo blog ha tuonato contro l’iniziativa: “A Cernusco si fanno lezioni di arabo ad alunni italiani con i soldi pubblici destinati a insegnare l’italiano agli stranieri”.

Secondo la consigliera, “la scuola aveva a disposizione soldi pubblici del Distretto (per più Comuni, quindi) destinati esclusivamente all’apprendimento della lingua italiana per alunni stranieri appena arrivati e a progetti di mediazione per alunni con marcate difficoltà di comprensione. Non essendoci un caso rientrante in queste fattispecie, per non perdere la possibilità di fruire di risorse, è stata costruita un’iniziativa di inclusione al contrario, ossia far apprendere le prime parole di arabo a bambini italiani. Colti di sorpresa dalle domande dei genitori e dalle mie perplessità riprese dalla stampa, si è cercato di ‘trasformare’ l’iniziativa in tutti i modi. Prima integrazione, poi mediazione linguistica, poi mediazione culturale fino ad arrivare a iniziativa interculturale, quindi, in ogni caso, non finanziabile dal Distretto”.

A buttare acqua sul fuoco e a spiegare il senso dell’iniziativa ci pensa il dirigente scolastico, Nicola Emilio Ferrara: “Si è trattato di due belle lezioni della durata di quattro ore dedicate alla mediazione culturale. In modo particolare ci si è focalizzati sulla cultura, sulla civiltà egiziana e la lingua araba. In classe c’è una bambina egiziana e si è voluto promuovere un avvicinamento tra le culture attivando un servizio comunale. È venuta a scuola una mediatrice culturale gratuitamente. Abbiamo rilevato il bisogno formativo di questi bambini di avvicinarsi ad altre culture e l’abbiamo tradotto in buone pratiche. L’iniziativa è stata presentata preventivamente alle famiglie che hanno espresso tutte, a parte una, apprezzamento per l’iniziativa. L’unica critica sollevata è stata quella di un padre che avrebbe preferito che quest’iniziativa fosse stata volta in orario extrascolastico. Non si è trattato di lezioni d’arabo ma di un momento di socializzazione”.

Il preside ammette che i bambini hanno imparato a scrivere il loro nome in arabo e poco più ma “non è mia intenzione islamizzare la scuola come qualcuno ha detto”. Ferrara prende le distanze dalla polemica: “Noi crediamo nei valori dell’inclusione, dell’ascolto, del dialogo. Questi sono i principi sui quali la scuola repubblicana si fonda. Sono molto contento di questa iniziativa. Le polemiche che sono nate sono del tutto di natura politica e sono state sollevate per avere visibilità mediatica. Ognuno faccia il suo lavoro, ma si rispetti l’autonomia della scuola. I politici facciano il loro mestiere ma non sulla pelle dei bambini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Università, AlmaLaurea: “In 14 anni perse 40mila matricole, calo maggiore al Sud”. Aumentano i figli di immigrati laureati

next
Articolo Successivo

Treviso, il preside dice no agli shorts e scatena un putiferio. È rispetto o preistoria?

next