Istituire un’associazione per dare voce alle proprie istanze. Decine di professionisti del settore della canapa legale (commercianti, imprenditori, agricoltori) si sono trovati a Rho, in provincia di Milano, per fare quadrato dopo la decisione della Corte di Cassazione sulla cannabis light. “Vogliamo riunire sotto un’unica bandiera l’intera filiera, poi fondare un organismo che coordini gli operatori e lavori su protocolli comuni”, hanno spiegato gli avvocati presenti all’incontro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, la cassa integrazione scatterà il 1° luglio. E ArcelorMittal parla già di una possibile proroga. Di Maio: “Sono stufo”

next
Articolo Successivo

Lavoro, sciopero dei metalmeccanici il 14 giugno: “Si contrastino delocalizzazioni”. Manifestazioni a Milano, Napoli e Firenze

next