Alla presentazione del rapporto annuale dell’Anticorruzione alla Camera dei deputati, tante le personalità politiche e non presenti e tra queste sia il procuratore aggiunto di Roma Paolo Ielo, che preferisce non parlare con i giornalisti, sia il segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti. Anche se il neoparlamentare europeo Roberti, ex Procuratore nazionale antimafia abbia esortato i vertici a ‘condannare i comportamenti certi dei due deputati democratici Lotti e Ferri, coinvolti nell’affaire Csm, il segretario dem li difende: “Per ora non sono indagati – afferma, entrando a Montecitorio per poi aggiungere – bisogna fare una trasparenza assoluta e accertare al più presto la verità”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conflitto d’interessi, Cantone: “Serve legge”. E Bonafede: “Per la Lega non è priorità? C’è nel contratto di governo”

next
Articolo Successivo

Csm, Bonafede: “Serve una riforma, era scritto nel contratto”. E il vicepresidente Ermini non risponde su Lotti

next