Cosimo Maria Ferri, deputato del Pd, protagonista di incontri notturni con Lotti, Palamara e altri magistrati, riportati nelle carte dell’inchiesta. Incontri “riservati”, finalizzati a decidere a tavolino le nomine dei procuratori capi. Intervistato dal Fatto. it, Ferri rivendica la liceità delle sue iniziative: “Io mi occupo di giustizia, è giusto che la magistratura sia indipendente”. Gli incontri ‘notturni’ negli hotel? Ferri prova ad evadere le domande, ma alla fine sbotta: “Non abbiamo fatto niente di male. La sera uno può fare quello che vuole ed incontrare chi vuole. Io sono stato il magistrato d’Italia più votato e mi hanno messo all’opposizione, posso frequentare Palamara benissimo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, bilancio dell’Associazione Rousseau in attivo ma debiti per quasi 500mila euro

next
Articolo Successivo

Csm, Orlando: “Vicenda grave. Lotti e Ferri? Responsabilità vanno chiarite. Incontri serali? Dipende da qual era l’oggetto”

next