Cosimo Maria Ferri, deputato del Pd, protagonista di incontri notturni con Lotti, Palamara e altri magistrati, riportati nelle carte dell’inchiesta. Incontri “riservati”, finalizzati a decidere a tavolino le nomine dei procuratori capi. Intervistato dal Fatto. it, Ferri rivendica la liceità delle sue iniziative: “Io mi occupo di giustizia, è giusto che la magistratura sia indipendente”. Gli incontri ‘notturni’ negli hotel? Ferri prova ad evadere le domande, ma alla fine sbotta: “Non abbiamo fatto niente di male. La sera uno può fare quello che vuole ed incontrare chi vuole. Io sono stato il magistrato d’Italia più votato e mi hanno messo all’opposizione, posso frequentare Palamara benissimo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, bilancio dell’Associazione Rousseau in attivo ma debiti per quasi 500mila euro

next
Articolo Successivo

Csm, Orlando: “Vicenda grave. Lotti e Ferri? Responsabilità vanno chiarite. Incontri serali? Dipende da qual era l’oggetto”

next