Si erano messi d’accordo per far aggiudicare a una società amica la gara d’appalto sui rifiuti solidi urbani del comune di Cervaro, in provincia di Frosinone. Per questo i carabinieri hanno arrestato il sindaco della città, Angelo D’Aliesio, l’ex sindaco e attuale vicesindaco Gino Canale, un assessore, un tecnico comunale e un imprenditore. L’accusa è corruzioneturbativa d’asta e voto di scambio. L’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari è stata emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Cassino.

Tra gli indagati, oltre a sindaco e vice, c’è Vincenzo Ricciardelli, attuale assessore con delega allo Sport e Attività Produttive, il tecnico Enzo Pucci e Alfredo Coratti, il titolare della società Tac Ecologica srl, operante nel settore dello smaltimento dei rifiuti urbani. Le indagini, coordinate dal procuratore capo Luciano d’Emmanuele e dal sostituto procuratore Emanuele De Franco, fanno riferimento a dei fatti accaduti nei primi mesi del 2017. In quel periodo, la Tac Ecologica sarebbe stata favorita nell’appalto comunale, che aveva un valore di circa un milione di euro. In cambio la ditta avrebbe assunto personale segnalato dai politici indagati, con la promessa del voto a favore dei politici in occasione delle elezioni per il rinnovo dell’amministrazione comunale avvenute nel giugno 2017.

In particolare, il sindaco e il suo vice si sarebbero impegnate in modo che la società, esclusa alle prime due gare indette, si aggiudicasse l’appalto alla terza gara, pur avendo presentato un’offerta ritenuta anomala dalla commissione di gara. Il tecnico comunale, a quel punto, evitava di attivare le consuete procedure finalizzate alla contestazione dell’irregolarità. Contemporaneamente, il sindaco dissuadeva i concorrenti a presentare offerte per la gara. Le richieste di assunzione sono proseguite anche dopo l’elezione a Sindaco, in cambio dell’annullamento di alcune multe applicate dal Comune di Cervaro per i disservizi causati alla cittadinanza nella raccolta e nello smaltimento dei rifiuti urbani.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Magistrati indagati, si autosospendono due membri del Csm che parteciparono a incontri con Luca Lotti. Oggi il plenum

prev
Articolo Successivo

Brindisi, arrestati sindaco di San Pietro Vernotico e il suo precedessore. Dieci indagati, accuse anche di corruzione

next