Apple ha annunciato ufficialmente le date in cui si svolgerà la WWDC 2019, la conferenza annuale dedicata agli sviluppatori. L’appuntamento è fissato dal 3 al 7 giugno, presso il McEnery Convention Center di San José, in California. Un appuntamento che tradizionalmente è incentrato sulla presentazione di nuovi software. Più che altro le nuove versioni dei sistemi operativi dell’azienda di Cupertino, con particolare riferimento ad iOS. In passato non sono mancati annunci a sorpresa di dispositivi, accessori e computer, ma non è la regola.

McEnery Convention Center di San José – Crediti foto: Anne Jacko,Portland, Oregon, USA

 

Vediamo nelle prossime pagine che cos’è lecito aspettarsi e cosa, invece, è improbabile ma non impossibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’app Google Pay da oggi memorizza anche le carte d’imbarco

prev
Articolo Successivo

Strage in Nuova Zelanda, quei video (e Brenton Tarrant) potevano essere bloccati?

next