Vertice del Movimento 5 stelle in corso al Mise. I primi ad arrivare sono Alessandro Di Battista e Gianluigi Paragone, seguiti poco dopo da Stefano Buffagni, Paola Taverna, Stefano Patuanelli, Riccardo Fraccaro, Emilio Carelli, Carlo Sibilia, Vincenzo Spadafora e Alfonso Bonafede oltre allo staff  della comunicazione capitanato da Rocco Casalino. “Si vince e si perde tutti insieme” afferma Di Battista. “Bisogna rimanere compatti ma ci sono anche un muccio di cose da cambiare. Di maio deve presentarsi dimissionario all’assemblea dei parlamentari 5 stelle? Per me – risponde Di Battista – il problema è come si fanno le cose”. La spiegazione di questo risultato? “Ce ne sono mille, tra cui l’astensionismo. Se non riusciamo convincere le persone ad andare a votare la colpa è esclusivamente nostra“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fca, la profezia di Airaudo: “Sentiremo parlare di altre vendite o totali o parziali di pezzi del gruppo”

next