Vertice del Movimento 5 stelle in corso al Mise. I primi ad arrivare sono Alessandro Di Battista e Gianluigi Paragone, seguiti poco dopo da Stefano Buffagni, Paola Taverna, Stefano Patuanelli, Riccardo Fraccaro, Emilio Carelli, Carlo Sibilia, Vincenzo Spadafora e Alfonso Bonafede oltre allo staff  della comunicazione capitanato da Rocco Casalino. “Si vince e si perde tutti insieme” afferma Di Battista. “Bisogna rimanere compatti ma ci sono anche un muccio di cose da cambiare. Di maio deve presentarsi dimissionario all’assemblea dei parlamentari 5 stelle? Per me – risponde Di Battista – il problema è come si fanno le cose”. La spiegazione di questo risultato? “Ce ne sono mille, tra cui l’astensionismo. Se non riusciamo convincere le persone ad andare a votare la colpa è esclusivamente nostra“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fca, la profezia di Airaudo: “Sentiremo parlare di altre vendite o totali o parziali di pezzi del gruppo”

next