“Non è un miracolo fare l’interesse dei cittadini e non l’interesse proprio. Non è un miracolo dire alla criminalità organizzata che questa non è la vostra città ma la nostra e che ve ne dovete andare”. A parlare, fuori dal proprio comitato elettorale, è il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ricofermato dopo la prima elezioni di cinque anni fa. Sostenuto dal centrosinistra, Decaro ha ottenuto quasi il 66% delle preferenze, battendo il candidato del centrodestra Pasquale Di Rella, fermo al 24,6%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bergamo, storico bis per Gori: “Al Pd manca la capacità di trovare alleati. Maggioranza col M5s? Non credo”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Comunali, da Bergamo a Bari: il successo dei sindaci “ex renziani” dove la Lega ha fatto il pieno di voti alle Europee

next