Francesco Polacchi, editore di Altaforte, la casa editrice vicina a Casapound, si è presentato ai cancelli del Salone del Libro di Torino dopo che il suo stand è stato smontato e la sua presenza cancellata tra gli espositori della fiera. “È un attacco al ministro dell’Interno, Matteo Salvini” ha dichiarato. “Questa è una censura e io sono stato denunciato per un reato d’opinione. Fascista? Non rispondo più a questa domanda”, si è difeso Polacchi, che aveva dichiarato pubblicamente di essere fascista.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvini non è fascista, ma è populista

prev
Articolo Successivo

Salone libro Torino, Salvini: “Escluso Altaforte? E’ censura”. Di Maio: “Polacchi provoca. Costituzione è antifascista”

next