“Io plagiata? Ma vi rendete conto di quante stronzate dicete?“. Sì, ha detto proprio “dicete” Eliana Michelazzo in una storia su Instagram in cui con Pamela Prati si scaglia contro Barbara D’Urso e i suo ospiti che contemporaneamente erano in onda su Canale 5 a Live – Non è la D’Urso e stavano discutendo proprio del “giallo” delle nozze dell’ex star del Bagaglino con l’ormai fantomatico fidanzato Marco/Mark Caltagirone. Il matrimonio avrebbe dovuto celebrarsi proprio ieri e invece è stato rimandato a causa di problemi di salute della Prati che, però, nel video appare in ottima forma.

“Bella gente stasera vergogna! Il più pulito ha la rogna. Per fortuna le denunce sono già state fatte“, incalza nelle sue storie la manager Eliana Michelazzo. Poi parte il filmato con anche Pamela Prati. Le due donne si prendono gioco di Barbara D’Urso e dei suoi ospiti inscenando un teatrino per rispondere alle accuse di plagio. Eliana chiede ironica: “Pamy, ma sei plagiata? Scusami ma ti devi vestire come dico io!”. Fintamente scioccata Pamela Prati risponde: “Plagiatissima, scappo. Eli, scusami, mi stai plagiando” e finge di fuggire via. Il tutto si conclude con questo messaggio: “Dare delle truffatrici a delle donne che lavorano e si fanno il mazzo da una vita non ve lo permetto. State facendo un bullismo mediatico senza fine. È davvero tutto pesante e anche se ci fa male cerchiamo di andare avanti. Però basta!”.

Intanto, in diretta su Canale 5, Barbara D’Urso affrontava la questione con i suoi ospiti, in particolare con il direttore del sito Dagospia Roberto D’Agostino, secondo cui il matrimonio di Pamela Prati è una “grande truffa del gossip“, una “farsa” architettata dall’agenzia dell’ex showgirl e dalla Prati stessa per guadagnare dei soldi. “Se è una truffa, io mi incazzo“, ha risposto subito piccata la padrona di casa che non ha fatto però, nel corso del programma, alcun accenno al video pubblicato nel frattempo da Prati e Michelazzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Peppino Impastato, dai 100 Passi al depistaggio: cinque libri per conoscerlo 41 anni dopo l’omicidio

prev
Articolo Successivo

Beverly Hills 90210, la foto che annuncia il ritorno della serie fa impazzire i fan

next