C’è chi pensa che l’emendamento approvato alla Camera sul superamento delle sanzioni disciplinari, delle note sul registro e sulle espulsioni sia del tutto inutile e chi suona il campanello d’allarme perché siamo di fronte ad un “condono educativo”. A poche ore dall’abrogazione degli articoli 412-413 e 414 del Regio Decreto 26 aprile 1928, gli esperti si dividono.

Il primo a farsi sentire è il pedagogista Daniele Novara che ben ricorda gli effetti della norma visto che ne rimase vittima in prima elementare: “Stiamo parlando di provvedimenti del ventennio che sono ancora Legge ma che dal momento che è stato cancellato il fascismo presumo che in automatico vadano di fatto abrogati. Applicare un codice del 1928 di palese matrice fascista è assurdo. Intervenire su una deliberazione di quegli anni è grottesco. La scuola si merita un altro tipo di attenzione: ma qual è l’insegnante che applica questo Regio Decreto? Il Parlamento con questo emendamento ha mortificato in primis i docenti. Hanno voluto abolire per Legge il passato senza rendersi conto che è già storia. Qualsiasi insegnante di buon senso non applica la sospensione su un bambino di sei anni nel 2019”.

Secondo Novara la Camera ha perso tempo. “La verità è un’altra: più nessuno dà note sul registro e non vi sono più espulsioni alla scuola primaria ma di note i maestri ne continuano a dare sul diario. Se il governo voleva fare un intervento davvero pedagogico doveva abolire le punizioni di qualsiasi tipo nelle scuole. I rimproveri scritti e i castighi sono ancora all’ordine del giorno. Non si riesce ad uscire dall’idea che educare sia controllare e punire. Si è fatta un’operazione di pura propaganda, del tutto inutile. Il problema semmai è che alla primaria c’è ancora la bocciatura e che ogni anno oltre 10mila bambini vengono rimandati”.

Di tutt’altra idea lo psichiatra e sociologo Paolo Crepet che parla di “condono educativo”: “Che si superi un regio decreto del 1928 mi pare ovvio. È chiaro che dobbiamo trasformare, modernizzare anche gli interventi di correzione perché non si può pensare che oggi si ragioni come nel ventennio. Detto questo: passare con un colpo di spugna lasciando un vuoto non è corretto. Non si capisce più chi, come e perché darà delle regole. Abbiamo alzato la bandiera bianca sul futuro del Paese: gli adulti vanno educati da cuccioli. Se io fossi stato il ministro avrei detto che il Regio Decreto andava superato ma al suo posto ci doveva essere qualcosa d’altro”.

Crepet è seriamente preoccupato per il futuro della scuola: “Se aboliamo la pedagogia dell’autoritarismo sono il primo firmatario ma se abroghiamo quella dell’autorevolezza mi rifiuto di firmare. L’autorevolezza è necessaria. C’è una coalizione tra pseudo-pedagogismo, pseudo psicologismo e pseudo-genitorialismo di quart’ordine. I presidi ora saranno contenti perché viene messa una pietra tombale sui conflitti scuola-genitori. Siamo di fronte ad un condono educativo. È l’annuncio di una catastrofe relazionale. Ci caliamo i pantaloni e a vincere sono quei bimbetti che io chiamo piccoli Buddha perché sono intoccabili”.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, la storia dell’Antimafia sarà nel programma. La deputata M5s Nesci: “Così si studieranno Falcone e Borsellino”

next
Articolo Successivo

L’Educazione civica torna obbligatoria: era ora!

next