C’era una volta il Napoli che comprava Maradona, l’Udinese Zico, l’Inter Ronaldo. Oggi nessuno, a parte la Juventus, può più permetterselo. La differenza di forza economica nei confronti dei club esteri è evidente. Non solo per i diritti tv ma anche per gli stadi, nuovi e di proprietà all’estero, vecchi e non di proprietà in Italia. Il merchandising, molto più sviluppato in Europa che da noi, dove vendono più magliette e cappellini le curve piuttosto che i club. E anche e soprattutto per non aver saputo valorizzare la vera ricchezza del calcio: i tifosi.

Ora siamo messi male, ma il declino del calcio italiano è irreversibile? Il governo del calcio non sembra porsi il problema. Continua a fingere di essere all’avanguardia. Spaccia come grande risultato essere stati i primi a introdurre il var (a quando l’assegnazione dei rigori attraverso il televoto?). Ma continuare a mettere la testa nella sabbia ha relegato il calcio italiano a un ruolo di secondo piano nel panorama internazionale. Un Paese di grande tradizione ma ormai diventato periferia del calcio mondiale.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trieste, atleti africani esclusi da mezza maratona, arriva dietrofront degli organizzatori. Giorgetti: “Sbagliato, ma no a scafisti sport”. Di Maio: “Così è una follia”

prev
Articolo Successivo

Il tifoso insulta i giocatori, poi a Neymar: “Impara a giocare”. L’attaccante si innervosisce e gli dà un pugno: il video

next