Non credo sia un caso che la perdita di competitività sia avvenuta man mano che aumentava il peso delle tv sul nostro calcio. I nostri dirigenti hanno portato avanti una politica miope , basata sul bacino d’utenza, che ha progressivamente svuotato il nostro calcio d’ interesse, equilibrio, ricchezza economica. In pratica hanno permesso a pochi club di avere fette sempre più grandi di una torta che diventava sempre più piccola invece di cercare di ingrandire l’intera torta con una distribuzione più equa delle risorse, come è avvenuto in Inghilterra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trieste, atleti africani esclusi da mezza maratona, arriva dietrofront degli organizzatori. Giorgetti: “Sbagliato, ma no a scafisti sport”. Di Maio: “Così è una follia”

prev
Articolo Successivo

Il tifoso insulta i giocatori, poi a Neymar: “Impara a giocare”. L’attaccante si innervosisce e gli dà un pugno: il video

next