Sono oltre 16mila gli aspiranti navigator. L’Anpal comunica che entro le 2 di questa notte, 23 aprile 2019, sono arrivate 16.773 domande per la prova di selezione che assegnerà i 3mila posti a disposizione. La maggior parte dei candidati, 5781, ha una laurea in Giurisprudenza, seguono le Scienze economico-aziendali con 2521, poi le Scienze della politica con 1503 e le Scienze dell’economia con 1441 candidati. A guidare la classifica regionale delle candidature è invece la Sicilia – con 2477 – subito davanti alla Campania (2475), seguita poi dal Lazio con 2236, la Puglia con 2004 e la Calabria, dove i candidati a oggi sono 1497.

Il navigator sarà la figura centrale dell’assistenza tecnica fornita da Anpal Servizi ai Centri per l’impiego, selezionata e formata per supportarne i servizi e per integrarsi nel nuovo contesto dato dall’introduzione del reddito di cittadinanza. L’obiettivo è di assicurare assistenza tecnica ai Cpi, valorizzando le politiche attive regionali, per permettere ai beneficiari del reddito che hanno sottoscritto il Patto per il Lavoro di ottenere un impiego il più velocemente possibile.

I selezionati avranno un contratto di collaborazione fino al 30 aprile 2021 con una retribuzione di 27.388 euro lordi annui più 300 euro per il rimborso delle spese di viaggio, vitto e alloggio. Nelle previsioni dell’Agenzia, dovranno essere operativi entro giugno.

“I laureati, al momento della iscrizione, devono scegliere la provincia per la quale si candidano. Ricordiamo che le candidature possono essere inviate entro e non oltre le ore 12.00 dell’8 maggio 2019″, spiega l’Anpal. Per assistenza e maggiori informazioni i candidati possono contattare l’help desk [email protected].

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, operai licenziati da Fca salgono su campanile per protesta: “Per noi nemmeno il reddito di cittadinanza”

prev
Articolo Successivo

Governo, Landini (Cgil): “Litiga su tutto e rinvia decisioni. Distanza siderale tra quello che dicono e quello che fanno”

next