Circa sessanta tra parlamentari, eurodeputati e consiglieri regionali e comunali, hanno firmato un appello perché a Milano “non si vieti con motivazioni prive di reale necessità” il corteo-fiaccolata promosso da CasaPound Italia, Forza Nuova e Lealtà Azione per commemorare l’omicidio di Sergio Ramelli, il militante del Fronte della Gioventù morto il 29 aprile 1975 dopo un’aggressione a colpi di chiave inglese da militanti di Avanguardia Operaia.

Tra i firmatari dell’appello fatto al prefetto, al questore e al sindaco di Milano, ci sono i vicepresidenti di Camera e Senato Fabio Rambelli e Ignazio La Russa, i deputati Alessandro Colucci e Marco Osnato, la senatrice Daniela Santanchè, l’eurodeputato Mario Borghezio, il sottosegretario Regione Lombardia Alan Rizzi e l’assessore regionale Riccardo De Corato. Tra gli altri, anche i deputati Igor IezziJari Colla e Carlo Fidanza: a giugno 2018, avevano partecipato alla festa del gruppo neofascista Lealtà e Azione, suscitando diverse polemiche.

I sottoscrittori, si legge nell’appello, vogliono appoggiare la richiesta di “rendere onore a un giovane di diciott’anni la cui sola colpa, come accertato dalla giustizia italiana, è di avere aderito al Fronte della Gioventù”. I tre gruppi di estrema destra, da anni, organizzano un corteo-fiaccolata che parta da Piazzale Susa e che sfili per viale Romagna, via Beato Angelico per poi terminare in via Paladini. Ma dal 2015 è stata permessa solo la commemorazione davanti alla chiesa di santi Nereo e Achilleo e in via Paladini, sul luogo dell’aggressione a Ramelli, deceduto dopo 47 giorni di agonia in ospedale.

I promotori del corteo, Marco Clemente di CasaPound, Duilio Canu di Forza Nuova e Stefano del Miglio, per Lealtà e Azione, spiegano: “Dopo quattro anni in cui il ricordo del barbaro assassinio è stato affidato ad eventi statici di piazza si ritiene, infatti, sia giunto il momento di ritornare alla formula del corteo-fiaccolata. Un corteo silenzioso che nei tanti anni in cui si è svolto prima dei divieti che si sono perpetrati dal 2015 al 2018, mai ha procurato disagi, incidenti o turbative d’ordine pubblico”. Una richiesta dunque sposata dai 60 esponenti politici di destra.

Nel 2017, durante la commemorazione per Ramelli e altri militanti di estrema destra, gli stessi gruppi che oggi promuovono la fiaccolata avevano esibito il saluto romano nel cimitero Maggiore, nello stesso luogo in cui sono sepolti i caduti del corpo militare fascista Decima Mas, dove si ritrovarono nonostante il divieto della prefettura. Una settantina di militanti, tra cui il leader di CasaPound, erano stati identificati e poi denunciati dal prefetto di Milano Luciana Lamorgese. La procura, dopo aver aperto un’indagine, aveva poi chiesto l’archiviazione.

Nell’elenco dei sottoscrittori dell’appello, vi sono anche i deputati Daniele Belotti, Tommaso Foti, Paola Frassinetti, Lucrezia Mantovani e Alessandro Morelli, i senatori Alessandra Gallone e Isabella Rauti, e l’eurodeputato Danilo Oscar Lancini. Molti i consiglieri della Regione Lombardia: Gabriele Barucco, Massimiliano Bastoni, Viviana Beccalossi, Marco Colombo, Giacomo Cosentino, Paolo Franco, Alex Galizzi, Ruggero Invernizzi, Franco Lucente, Floriano Massardi, Barbara Mazzali, Silvia Sardone e Simona Tironi. Nonché il vicepresidente del Consiglio comunale di Milano Luigi Pagliuca e i consiglieri comunali Luigi Amicone, Alessandro De Chirico, Fabrizio De Pasquale, Matteo Forte, Pietro Tatarella e alcuni consiglieri di Municipio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Raggi, Paragone: “La Lega chiede dimissioni? Ha poco da rivendicare oggi. Mi interessano poco le storie di palazzo”

next
Articolo Successivo

Piano Salva-Roma, Salvini: “Non esistono comuni di serie A e di B. Mi spaventa sindaco che dice di non controllare città”

next