La card non permetterà, anche per chi spende poco, di mettersi da parte un gruzzoletto. La somma presente sulla carta acquisti, infatti, va spesa entro il mese successivo all’accredito. Se non si spende tutto l’importo, il denaro rimasto verrà tagliato del 20%. Quindi, per esempio, se dei soldi ricevuti ne rimangono in giacenza 100, il mese successivo non verrà erogato il sussidio completo, ma decurtato del 20% dei 100 euro non spesi, cioè di 20 euro. Ogni sei mesi, poi, tutto l’eventuale gruzzoletto accumulato viene azzerato, a eccezione di una mensilità che rimane nel conto a mo’ di paracadute. Soprattutto da questa misura, oltre che dall’obbligo di acquisti solo in Italia, si capisce la finalità consumistica del reddito che, appunto, non permette di accumulare ricchezza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dichiarazione dei redditi, online la precompilata: ci sono spese sanitarie e per la casa e rette scolastiche

prev
Articolo Successivo

I modi per vivere una vita senza contanti: la rivoluzione della “cashless society” (che in Italia ancora arranca)

next