Napoli è la provincia italiana nella quale sono state presentate più domande per il reddito di cittadinanza. Al 7 aprile, stando ai dati del ministero del Lavoro, erano  78.803, più di quelle attivate dall’intera Lombardia (71.310) e poco meno del 10 per cento del totale a livello nazionale. L’Inps ha infatti caricato 806.878 domande in totale sulla propria piattaforma: 433.270 sono state presentate da donne (54%) e 373.608 da uomini (46%). La provincia che più si avvicina al ‘record’ di Napoli è Roma, con 50.840 domande raccolte, mentre l’ultimo posto spetta a Bolzano con 356 richieste pervenute all’Istituto nazionale di previdenza sociale.

I dati del ministero del Lavoro evidenziano inoltre come la percentuale maggiore di richiedenti si annida nella fascia d’età tra 45 e 67 anni con poco più del 61% (494.213 domande), seguiti con coloro che hanno un’età compresa tra i 25 e i 40 anni, con 182.100 domande (poco meno del 23%). Il resto delle domande è distribuito tra gli ultra 67enni (105.699 domande, pari a poco più del 13%). Il reddito, invece, fa pochissima breccia tra gli under 25: appena poco più del 3% di coloro che ne hanno fatto richiesta ha tra i 18 e i 25 anni.

La distribuzione regionale vede la Campania e la Sicilia ai primi due posti, con una raccolta totale del 32% delle domande (137.20 domande la Campania e 128.809 domande la Sicilia). Alle loro spalle c’è il Lazio con 73.861 domande e al quarto la Puglia con 71.535. La Lombardia è invece quinta con 71.310 e la classifica si chiude con la Valle D’Aosta, da dove sono arrivate 1.031 domande. Rispetto al canale scelto per presentare le domande, più del 72% ha scelto di recarsi ai Caf (584.233 cittadini), mentre il restante 28%, pari a 222.645 cittadini, ha scelto Poste Italiane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, “errore nella legge e domande a rischio”. Ministero: “Già trasmesso il testo modificato”

prev
Articolo Successivo

Ce l’ho fatta, ho presentato la domanda per il reddito di cittadinanza. Ora vai con l’ansia!

next