PETERLOO di Mike Leigh. Con Rory Kinnear, Maxine Peake, Neil Bell. Regno Unito 2018. Durata: 154’. Voto: 4/5 (AMP)

Fra i momenti più oscuri della storia sociale britannica si annovera il massacro di St Peter’s Field avvenuto il 16 agosto 1819 a Manchester e che costò la vita a decine di persone e il ferimento di centinaia. Fu talmente efferato che passò alla cronaca come Peterloo, giocando di crasi con l’allora recente battaglia di Waterloo. A 200 anni dai fatti, Mike Leigh ne rivisita la tragedia con un’opera epica e profonda. Al centro vi pone i dibattiti precedenti la grande manifestazione organizzata dai comitati pro-democrazia del Nord Inghilterra che aspiravano a una riforma elettorale provvista di suffragio universale ed eguaglianza di rappresentazione parlamentare, fino ad allora inesistente.

Il discorso di Leigh è organizzato per lunghi affreschi assembleari che mettono in parallelo le ragioni dei riformisti – fra moderati e radicali – alle ostinazioni di istituzioni ed aristocrazia (guidata dal volgare principe reggente) con toccanti inserzioni a denuncia delle ingiustizie subite dagli ultimi della scala sociale, il popolo operaio o contadino ridotto allo stremo in anima e corpo. Ispirati dal famoso oratore radicale Henry Hunt, figura controversa e narcisista,  i manifestanti sperano di migliorare la vita propria e delle generazioni future, ignari di cosa li attende. Filologico nei dettagli, magnifico nella riproposizione dell’epoca, ma anche attento all’uso della retorica politica e del linguaggio della comunicazione, Peterloo è un testo grandioso e necessario che invocando il passato parla al presente e si concentra sulle dinamiche della democrazia quanto mai deficitarie o distorte di questi tempi.

Film in uscita, da Peterloo a Instant Family e da Ricordi? a Peppermint: cosa ci è piaciuto e cosa no

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Xavier Dolan, il regista di Mommy compie 30 anni. Ed è ora di smetterla di chiamarlo “enfant prodige”

prev
Articolo Successivo

Border, tra fantasy e poliziesco, un racconto bizzarro su troll e umani pelosi con la coda – CLIP ESCLUSIVA

next