Icona gay, profeta di una “nuova” Nouvelle vague, cantore del postmoderno. In due parole, Xavier Dolan. Un regista totale, a cui le etichette vanno strette e da cui anzi tende a smarcarsi, pellicola dopo pellicola (e ormai se ne contano sette, in appena 11 anni di carriera). Superandole spesso attraverso l’amore, un sentimento che tutto può e che tutto brucia. Nella continua ricerca di uno stupore che non scade mai però nel semplice manierismo.

Sfrontata, eccessiva, ribelle, pop. La poetica del cineasta nato il 20 marzo 1989 a Montréal, Canada, si nutre ormai di temi definiti eppure in continua evoluzione. La sua arte è il manifesto di un talento che ha da tempo riposto nel cassetto la maschera di enfant prodige, affermandosi invece come una tra le più importanti voci del cinema contemporaneo. Tutto ad appena 30 anni.

Non ci credete? Ecco tre film che vi faranno cambiare idea.

Xavier Dolan, il regista di Mommy compie 30 anni. Ed è ora di smetterla di chiamarlo “enfant prodige”

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Al Cinema Beltrade ogni giorno si celebra la passione per la settima arte

prev
Articolo Successivo

Film in uscita, da Peterloo a Instant Family e da Ricordi? a Peppermint: cosa ci è piaciuto e cosa no

next