“Quando sono divampate le fiamme la paura era che qualcuno non fosse uscito. Allora abbiamo fatto l’appello con gli insegnanti, fortunatamente erano tutti lì”. Così Roberto Manucci, maresciallo della stazione dei Carabinieri di Paullo, uno dei primi soccorritori. Ha aperto il portellone destro posteriore per far uscire i ragazzi dall’autobus. “Battevano sui vetri, avevano una gran voglia di sopravvivere. Sono stati collaborativi, mi hanno sorpreso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bus in fiamme a Milano, il racconto del carabiniere “eroe”: “Così siamo riusciti a salvare quei bambini”

prev
Articolo Successivo

Crema, rabbia e stupore dei genitori il giorno dopo la strage sventata: “Perché un pregiudicato con i nostri figli?”

next