“Quando sono divampate le fiamme la paura era che qualcuno non fosse uscito. Allora abbiamo fatto l’appello con gli insegnanti, fortunatamente erano tutti lì”. Così Roberto Manucci, maresciallo della stazione dei Carabinieri di Paullo, uno dei primi soccorritori. Ha aperto il portellone destro posteriore per far uscire i ragazzi dall’autobus. “Battevano sui vetri, avevano una gran voglia di sopravvivere. Sono stati collaborativi, mi hanno sorpreso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bus in fiamme a Milano, il racconto del carabiniere “eroe”: “Così siamo riusciti a salvare quei bambini”

next
Articolo Successivo

Crema, rabbia e stupore dei genitori il giorno dopo la strage sventata: “Perché un pregiudicato con i nostri figli?”

next