“Quando sono divampate le fiamme la paura era che qualcuno non fosse uscito. Allora abbiamo fatto l’appello con gli insegnanti, fortunatamente erano tutti lì”. Così Roberto Manucci, maresciallo della stazione dei Carabinieri di Paullo, uno dei primi soccorritori. Ha aperto il portellone destro posteriore per far uscire i ragazzi dall’autobus. “Battevano sui vetri, avevano una gran voglia di sopravvivere. Sono stati collaborativi, mi hanno sorpreso”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bus in fiamme a Milano, il racconto del carabiniere “eroe”: “Così siamo riusciti a salvare quei bambini”

next
Articolo Successivo

Crema, rabbia e stupore dei genitori il giorno dopo la strage sventata: “Perché un pregiudicato con i nostri figli?”

next