Gita a Napoli ma non per tutti. A dover stare a casa sono quelli che non raggiungono almeno il buono in condotta. E’ questa la decisione presa dal consiglio d’istituto e dalla preside Alessandra Valsega della scuola media Paolo Ferrari dell’istituto comprensivo Massa Tre. Una scelta scaturita a fronte del fatto che su 110 alunni che si sono iscritti al viaggio c’era la disponibilità di solo otto professori. Una decisione che non è piaciuta ad un gruppo di genitori che si è rivolto alla Nazione denunciando il fatto che tra gli esclusi ci sarebbero stati dei ragazzi con disturbi dell’apprendimento. Un’accusa respinta dalla dirigente che in queste ore di accesa polemica spiega a ilfattoquotidiano.it com’è andata la vicenda: “Sono in questa scuola da settembre. In questo istituto è usanza fare una settimana alternativa: durante questo periodo gli insegnanti organizzano varie attività tra cui il viaggio d’istruzione. Quando ho chiesto spiegazioni mi hanno detto che per la gita le adesioni sono sempre state poche. A sorpresa quest’anno le iscrizioni sono raddoppiate: abbiamo avuto 110 ragazzi che hanno fatto richiesta per partecipare alla quattro giorni a Napoli e sulla Costiera Amalfitana. In prima battuta mi sono adoperata a verificare che il numero dei professori che li accompagnassero fosse adeguato ma ho avuto la disponibilità di solo otto professori, oltre ad un paio di eventuali riserve. A quel punto ci siamo chiesti: cosa facciamo? Le ipotesi erano due: rinunciare al viaggio oppure, per garantire la sicurezza dei ragazzi, compiere una scelta. Abbiamo deciso di portare la questione in consiglio d’istituto dove si è presa una decisione all’unanimità”.

La dirigente non fa alcun passo indietro rispetto alla sua scelta: “Mi sono trovata – continua la professoressa Valsega – a dover prendere una decisione che fosse dal punto di vista educativo inoppugnabile ma anche tutelante degli insegnanti. Quando un docente è accompagnatore si prende la responsabilità al 100 per cento e rischia persino dal punto di vista penale nel caso accada qualcosa. Che esempio avremmo dato: è giusto che si conceda a chi risponde male in classe di andare anche in gita? Non può essere tutto concesso. Ero consapevole che avremmo rischiato l’ira funesta di certi genitori ma la strada giusta è stata quella di utilizzare il voto di condotta per consentire di andare o meno in viaggio d’istruzione”. Nei giorni successivi alla decisione presa alcuni genitori hanno anche chiesto un appuntamento alla preside e alcuni ragazzini inizialmente esclusi sono stati reinseriti. Ma non tutti hanno digerito il criterio scelto e ieri mattina davanti alla scuola sono apparsi anche alcuni cartelli con scritto: “La scuola del Grande Fratello: sei stato eliminato”. La preside sembra comunque determinata: “La gita si farà e chi non potrà partecipare a causa del suo comportamento avrà comunque altre possibilità durante il corso dell’anno scolastico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Massa, va in gita solo chi si comporta bene. Già, per una volta il voto di condotta conta

next