L’ex presidente del Consiglio, Matteo Renzi, alla prima uscita pubblica dopo gli arresti domiciliari dei suoi genitori, si scaglia dal palco del Lingotto di Torino, dove ha presentato il suo libro, contro il senatore Mario Giarrusso. Facendo proiettare un’immagine del parlamentare pentastellato, l’ex leader del Pd dice: “La natura è stata poco clemente con lui”. Poi l’attacco: “Ha detto che meritavo l’impiccagione. È una vergogna che nessuno abbia detto una parola in difesa non mia, ma di un senatore per il quale un altro senatore ha auspicato l’impiccagione. Lunedì interverrò in Aula per dire che non mi faccio intimidire; se pensano di farci tacere si sbagliano. Quando la signora presidente del Senato sarà in grado di dire la parola disdegno, sarà troppo tardi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Renzi, prima uscita pubblica dopo l’arresto dei genitori: “Fiero di essere loro figlio. Ai pm dico che non scappiamo”

next