Quando i finanzieri hanno cercato le sedi delle società a Cesano Maderno hanno trovato una casa, a Carapelle “un mero recapito“. Dei titolari, spesso stranieri, uno non sapeva nemmeno di esserlo: si è poi scoperto che non era lui a mentire, ma la ditta a essere un fake. Altri risultavano sconosciuti all’anagrafe del Comune in cui, in teoria, svolgevano la propria attività imprenditoriale. Per non parlare di chi, come Amir Sajiad, un imprenditore lo è a tutti gli effetti e promette di “denunciare” chi avrebbe effettuato la fattura a suo nome.  È la galassia di imprenditori ignari e ditte fantasma che la guardia di Finanza ha incontrato indagando sul “sistematico utilizzo” di fatture emesse per operazioni inesistenti a favore della cooperativa Marmodiv, di cui, secondo i magistrati di Firenze, Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono amministratori di fatto. Un elenco contenuto nell’ordinanza del gip Angela Fantechi che ha concesso l’arresto ai domiciliari per i genitori dell’ex premier, accusati di bancarotta fraudolenta e, appunto, false fatture. Il conto è presto fatto: 65 fatture per operazioni inesistenti o gonfiate con un valore complessivo di quasi 725mila euro.

La coop Marmodiv nasce nel 2013 e – si legge nell’ordinanza – nel giro di poco tempo diventa il “maggior prestatore di servizi su Firenze per la ‘Eventi 6‘”, la società capofila tra le aziende legate ai Renzi. Secondo i pm la Marmodiv è stata costituita “essenzialmente per consentire alla ‘Eventi 6’ di avere a disposizione lavoratori dipendenti senza dover sopportare i costi relativi all’adempimento di oneri previdenziali ed erariali”, tutti spostati in capo alle cooperativa stessa, così come già successo per la Delivery Service e la Europe Service, poi fallite. In sostanza, secondo la ricostruzione dell’accusa, “le cooperative si sarebbero succedute nel tempo, mantenendo tuttavia gli stessi dipendenti e gli stessi clienti”. È il “modus operandi” dei coniugi Renzi, si legge nell’ordinanza, per avere “manodopera” senza che la società capofila sia “gravata di oneri previdenziali ed erariali”.

I soci a loro insaputa – “Peculiare sono state anche le modalità di costituzione” della Delivery Service, scrive il gip. “Alcuni dei soci, sentiti nel corso delle indagini, hanno riferito di non conoscere neppure il nome della società cooperativa, ricordando solo di essersi recati da un notaio in Firenze ‘per apporre delle firme‘”. Circostanza che fa ritenere che “la cooperativa sia stata costituita per volontà di altri“. Uno schema che si ripete per la Marmodiv: “Vi sono indizi per ritenere che Tiziano Renzi e Laura Bovoli siano stati i promotori della cooperativa e si siano intromessi nell’amministrazione della stessa”, si legge nell’ordinanza.

“Fatture pagate con bonifici” – Uno su tutti la dichiarazione di Paolo Magherini, sentito dai pm Christine Von Borries e Luca Turco il 31 maggio scorso. La Procura gli contesta fatture per poco più di 4mila euro e lui svela il meccanismo: la Marmodiv “era amministrata da dei prestanome“, dice. “Tutti, nel settore, sanno che la cooperativa è riconducibile alla famiglia Renzi, in particolare a Tiziano e alla moglie”. Poi risponde alle accuse: “Le fatture che mi avete esibito, devo ammettere che sono false. Mi fu chiesto di aprire una partita iva ed emettere le fatture che mi avete mostrato”, dice ai pm. “Mi venivano pagate con bonifici effettuati presso la Banca Sella”, “Successivamente io restituivo indietro la somma in contanti per l’intero”.

Le operazioni gonfiate – “Ce ne sono molti altri“, aggiunge Magherini. La sua ditta è una delle tante che ha emesso fatture nei confronti della Marmodiv per operazioni ritenute inesistenti. Il tutto comincia poco dopo l’inizio dell’attività commerciale, già nel 2013. L’anno dopo le fatture contestate dalla guardia di Finanza diventano subito 31, per un valore di 33mila euro. Le cifre vanno ingigantendosi: quasi 65mila euro nel 2015, 108mila euro nel 2016. Poi, secondo l’accusa, la strategia cambia: si passa a sei fatture gonfiate che la stessa Marmodiv emette, scrive il gip, “al fine di consentire alla Eventi6 l’evasione delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto”. Nel 2017 le fatture sospette superano per importo i 310mila euro. Nel 2018 si arriva a 206mila euro per cinque fatture ritenute gonfiate. Il totale fa appunto 724.946 euro in sei anni.

Le fatture “a sua insaputa” – Tra gli “altri” citati da Magherini e poi individuati dai finanzieri risultano esserci molto stranieri. Casi emblematici sono quelli di Muhammed Ilyas e Amir Sajiad. Il primo, stando a una fattura del giugno 2016 da 12.200 euro nei confronti della Marmodiv, risulta essere il titolare della ditta ‘Distribuzione Italia‘. Quando è stato raggiunto dalla guardia di Finanza di Brescia, Muhammed ha però negato di essere a conoscenza di tale società e anche di risiedere a Castano Primo, dove invece ha sede la ditta. Le successive verifiche hanno effettivamente comprovato l’inesistenza della ditta ‘Distribuzione Italia’. Amir Sajiad è invece il titolare dell’omonima ditta individuale, ma nega di aver mai effettuato una fattura da 15.398 euro a favore di Marmodiv. “Valuterò l’opportunità di denunciare chi ha in modo improprio utilizzato il mio nome e quello della mia impresa per attestare prestazioni che non ho mai effettuato. Non ho altro da aggiungere”, ha dichiarato l’8 giugno scorso.

Gli imprenditori fantasma – Un altro caso limite è quello di Mohammad Nazir, titolare di una ditta individuale per la spedizione di materiale propagandistico. Almeno secondo quattro fatture emesse per circa 40mila euro tra il 2016 e il 2017, sempre in favore di Marmodiv. Ma gli investigatori hanno scoperto che all’indirizzo della sede della ditta, a Cesano Maderno, c’è una casa e che la ditta non ha mai lavorato con la Marmodiv. Infine, hanno accertato che il signor Mohammed Nazir non è mai stato censito all’anagrafe del comune della Monza Brianza e che il documento di riconoscimento rinvenuto nello studio del depositario non è mai stato rilasciato dall’ente di Cesano Maderno. Risulta essere “sconosciuto all’indirizzo anagrafico” anche Ayesha Kabir, rappresentante legale dell’omonima ditta individuale che ha emesso nel 2016 una fattura da poco più di 3mila euro. Gli elementi raccolti “inducono a ritenere che le fatture in oggetto siano effettivamente relative a prestazioni inesistenti”, si legge nell’ordinanza.

Le due coop foggiane – I “campioni” di fatture per operazioni ritenute inesistenti sono invece due cooperative foggiane, la Quick e la Link di Carapelle. Intermediario dal 2013 al 2016 risulta essere Ruggiero Massimo Curci, scrive il gip, che aveva numerosi precedenti penali per reati tributari e societari. Le due coop emettono fatture in favore della Marmodiv rispettivamente per 42.443 euro e per 34.191 euro. Quando la guardia di Finanza di Foggia effettua un sopralluogo nelle sede dichiarata delle società, non trova nulla, se non “un mero recapito“.

I pakistani irregolari – Il 14 marzo scorso un’altra operazione dei finanzieri, questa volta di Casale Monferrato, permette di fermare un furgone con a bordo volantini pubblicitari e sei persone di nazionalità pakistana: tutti lavoratori della Bajwa Group srl, tutti irregolari. Le Fiamme Gialle di Corsico torneranno poi negli uffici della società, la cui rappresentante legale risulta essere la pakistana Saima Choudhary, già denunciata appunto per intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Quello che la guardia di Finanza scopre sono fatture per la Marmodiv, anche in questo caso per operazioni ritenute inesistenti.