In Senato è in corso la discussione generale sulla proposta di riforma costituzionale targata M5s sul taglio del numero dei parlamentari. Secondo Alessandra Maiorino (M5s) “è il sogno di tutti italiani, e finalmente con questo governo diventerà realtà”. Le opposizioni, con Pd, FI e LeU in testa, si dicono d’accordo con la riduzione di deputati e senatori ma contestano il contenuto della riforma, che per Andrea Causin “è una pagliacciata, uno spot elettorale privo di efficienza”. Per Vasco Errani (LeU) “la democrazia non è un costo” mentre Dario Stefano (Pd) pone l’attenzione sul problema della rappresentatività in Parlamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Restitution day, Di Maio: “Tagliati due milioni ai parlamentari M5s, li mettiamo in dotazione alla Protezione Civile”

next