La proposta di riforma costituzionale che prevede il taglio di 345 parlamentari arriva all’esame del Senato. Il testo, annunciato da Movimento 5 stelle e Lega lo scorso ottobre insieme a un’altra proposta sull’introduzione del referendum propositivo per le leggi di iniziativa popolare (ora in discussione alla Camera), prevede, modificando gli articoli 56 e 57 della Costituzione, la riduzione degli eletti da 630 a 400 a Montecitorio e da 315 a 200 a Palazzo Madama. “Confidiamo nel consenso delle altre forze politiche per approvare all’unanimità una riforma invocata a gran voce dai cittadini”, ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Riccardo Fraccaro, sfidando le opposizioni a votare sì a una norma proposta in passato anche da Pd e Forza Italia.

Il primo a replicare è il Partito democratico con il capogruppo in Commissione Affari costituzionali, Dario Parrini, che dice “ al taglio dei parlamentari da 945 a 600, previsto dal ddl della maggioranza, ma a patto che si introduca una differenziazione di funzioni tra Camera e Senato”, prevista dal ddl Boschi bocciato dal referendum costituzionale del 2016. I 10 emendamenti del Pd depositati nell’aula di Palazzo Madama prevedono proprio un Senato “delle autonomie e di garanzia”. “Noi per una riforma ci siamo – ha detto Parrini – per una pagliacciata o uno spot patacca no”. Il primo scoglio sarà la dichiarazione di ammissibilità degli emendamenti da parte della presidente Elisabetta Casellati che avverrà al termine della discussione generale, tra mercoledì sera e giovedì mattina.

Fraccaro: “Dalle parole ai fatti” – “Ci siamo: come promesso la legge per tagliare 345 parlamentari oggi arriva in Aula. È una battaglia storica del M5s all’esame del Senato, un altro punto del contratto di governo che ci impegniamo a rispettare”, ha commentato Fraccaro. “Da anni tutti i partiti, dal centrosinistra al centrodestra, propongono di ridurre deputati e senatori. Finalmente passiamo dalle parole ai fatti”, ha aggiunto Fraccaro. L’approvazione unanime significherebbe evitare un referendum che infatti non può essere chiesto se la legge costituzionale è approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere con la maggioranza qualificata di due terzi dei componenti.

Gli emendamenti Pd – Secondo le dieci proposte di modifica del Pd, il Senato verrebbe eletto “su base regionale e con metodo proporzionale”: questa sarebbe la prima differenza rispetto alla riforma Renzi-Boschi, nella quale i senatori non venivano eletti ma erano espressione dei Consigli Regionali. Inoltre c’è una differenziazione delle funzioni, con la sola Camera a essere la Camera politica che esprime la fiducia, mentre al Senato vengono attribuite funzioni di controllo e garanzia. Le uniche materie paritarie sarebbero le riforme costituzionali. Un secondo punto è l’estensione del voto ai diciottenni anche per l’elezione del Senato. “L’atteggiamento del Pd sul ddl della maggioranza dipenderà dall’accoglimento delle nostre proposte”, ha chiarito Parrini.

M5s: “Modifiche puntuali nel rispetto Carta” – “Ridare credibilità e sobrietà alle istituzioni”, questo significherebbe per i componenti M5s nella commissione Affari Costituzionali del Senato l’approvazione del Ddl. “Il nostro programma complessivo di riforma della Costituzione – si legge in una nota – prevede modifiche puntuali con disegni di legge snelli e focalizzati su singoli argomenti. E’ il modo corretto per valorizzare la nostra Carta fondamentale rispettando il diritto-dovere dei cittadini di esprimersi e partecipare in modo compiuto”.  Per il M5s, il taglio dei parlamentari permetterebbe “una riduzione dei costi del Parlamento, con un risparmio di 500 milioni a legislatura, e un miglior funzionamento delle Camere”.

Solo pochi giorni fa, ospite a Quarta Repubblica su Rete4, Luigi Di Maio aveva indicato il taglio degli eletti come uno dei “due obiettivi da cui non possiamo prescindere nel 2019″. E aveva anche dato un limite temporale: “Entro l’estate vanno approvate la legge Costituzionale per ridurre di un terzo i parlamentari. Poi dobbiamo depositare nei prossimi giorni la proposta per il taglio degli stipendi di deputati e senatori”. Le riforme costituzionali, aveva aggiunto scherzando, “portano sfiga”, ma per il taglio di 345 parlamentari l’iter “parte a febbraio e entro settembre possiamo portarlo a casa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Air Force Renzi, Etihad farà ricorso contro lo scioglimento del leasing voluto da Alitalia: “È illegittimo”

prev
Articolo Successivo

Taglio parlamentari, primo ok Senato. Pd invoca ‘resistenza civile’. M5s: ‘Volevano lo Stato su misura, non meno costi’

next