Addio alla gita scolastica. Uno studente su due quest’anno non farà il viaggio d’istruzione per ragioni economiche e perché i professori non sono disposti ad accompagnarli. A fare la fotografia sulle partenze dei nostri studenti è l’Osservatorio sulle gite scolastiche di Skuola.net che ha preso in esame 12mila studenti della scuola secondaria di primo grado e delle superiori. I numeri raccolti ci dicono che la metà esatta (50%) dei ragazzi intervistati dovrà rinunciare alla partenza. Anzi. Al Sud la percentuale è addirittura superiore (55%). E stiamo parlando solo di quelli che non partiranno per decisione della scuola. Perché a questo dato, già di per sé eloquente, vanno aggiunti gli studenti ( il 7%,) che, pur potendo, non andranno in gita volontariamente. Tra loro, il 28% salterà il viaggio per motivi economici; ma sono tanti (22%) quelli che non partono semplicemente perché, non hanno voglia di stare con i compagni al di là del tempo passato in classe. Se un tempo il viaggio d’istruzione era un’occasione per incrementare l’amalgama tra studenti oggi la classe è vista sempre meno come una comunità. Tra coloro che non partono con i compagni il 19% farà una breve vacanza con i genitori, il 16% con gli amici.

Andando a vedere nel dettaglio i numeri presentati da Skuola.net scopriamo che tra le cause che mandano a monte il viaggio d’istruzione, in un caso su quattro c’è proprio lo zampino dei professori. “D’altro canto – spiegano quelli di Skuola.net – non è una novità che tantissimi docenti non se la sentano più di accompagnare i propri alunni; troppo rischioso”. Molto meno determinanti altri motivi, apparentemente più importanti, come ad esempio le questioni disciplinari (decisive nel 9% dei casi) oppure l’assenza di adesioni a sufficienza (7%) in una classe.

Ma come vengono scelti i viaggi d’istruzione? L’interesse culturale è sempre più il parametro fondamentale utilizzato per selezionare la meta finale (70%). Molto più indietro (20%) i fattori economici. La minaccia terroristica non fa paura (5%). Così come la sicurezza del mezzo di trasporto non è tra le priorità (5%). A tal proposito, il pullman (46%) resta il mezzo più utilizzato, specie per i viaggi nazionali. Le compagnie aeree low-cost (19%) si fanno preferire rispetto a quelle tradizionali (17%). Qualcuno, però, si muove in treno (12%). Tra le mete scelte la maggior parte (56%) resta in Italia: Firenze, Napoli e Roma sono sempre tra i luoghi preferiti dai professori e dagli studenti. Così come chi varca i confini nazionali (44%) sceglie Barcellona, Londra e Berlino. Il periodo scelto per partire è indubbiamente la primavera (75%, 3 gite su 4). La permanenza media? Qualcuno azzarda quattro (20%) o cinque (23%) giorni, ma quasi 1 su 3 – il 31% – si limita al massimo a tre giorni anche per contenere la spesa che si aggira tra i 200 e 400 euro. Soldi a quanto pare che non tutte le famiglie si possono permettere e che le scuole non riescono a garantire.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Educazione sessuale a scuola, ci pensa il Papa

next
Articolo Successivo

Scuola, salta blocco quinquennale docenti: il governo deve ritirare l’emendamento. Resta quello triennale inviso alla Lega

next