“Firmare l’ultimatum Ue al Venezuela è una stronzata megagalattica. E mi meraviglio di Salvini che fa il sovranista a parole ma poi avalla, come un Macron o un Saviano qualsiasi, una linea ridicola“. Così Alessandro Di Battista su Facebook ha attaccato il ministro dell’Interno. Immediata la risposta del capo del Viminale. “Di Battista ignora e parla a vanvera. Prima tornano diritti, benessere e libertà in Venezuela, meglio sarà per il popolo”.

Un concetto già esposto questa mattina quando Salvini ha appoggiato la linea già intrapresa da Francia, Germania e Spagna sulla crisi politica venezuelana. I tre Stati europei hanno infatti annunciato una data limite al Paese del Sud America: 8 giorni per tornare a elezioni. L’Italia per il momento non ha ancora preso una posizione ufficiale, ma il leader leghista è stato chiaro. “Hanno fatto bene perché Maduro sta piegando con la violenza e con la fame un popolo e lo dico perché ci sono anche tanti italiani in Venezuela che stanno soffrendo, quindi spero che anche il governo italiano abbandoni ogni prudenza e sostenga il popolo venezuelano, il diritto a libere elezioni, alla democrazia”, ha detto.

A queste parole Di Battista, ex deputato M5s da poco rientrato da un lungo viaggio in Sud America, ha scelto di replicare con un post su Facebook: “È lo stesso identico schema che si è avuto anni fa con la Libia e con Gheddafi. Identico. Qua non si tratta di difendere Maduro. Si tratta di evitare un’escalation di violenza addirittura peggiore di quella che il Venezuela vive ormai da anni”, ha scritto sul social l’esponente del Movimento 5 stelle, prendendo poi le distanze dall’appoggio dato ai paesi dell’Unione europea da Matteo Salvini. “In pratica l’Ue dice: ‘Maduro convochi le elezioni entro 8 giorni o noi legittimiamo uno che si è auto-proclamato Presidente’. Ma che razza di ragionamento è? Io non ci sto. E il Movimento non ci sta. Ci siamo già passati mille volte davanti a questioni del genere”, ha continuato Di Battista nel post, rievocando anche una posizione condivisa nel M5s che però non è stata ancora annunciata. Solo Conte ha parlato in serata, dicendo: “In questo momento è di fondamentale importanza scongiurare una escalation della violenza all’interno del Paese”, si legge su Facebook, “e al contempo cercare di evitare che il Venezuela, attraverso l’impositivo intervento di Paesi stranieri, possa diventare terreno di confronto e divisioni tra attori globali”.

Più netta la posizione di Di Battista: “Non si è imparato nulla? Saddam, Gheddafi, Assad. Nessuno ha mai parteggiato per questi uomini ma le ingerenze esterne, gli ultimatum, le sanzioni, gli embarghi (spesso preludio alle bombe) hanno sempre portato a guerre, catastrofi, massacri dei civili. Ma chi è l’UE per dire ad un altro stato cosa deve fare? Chi è l’Ue per legittimare un tizio che si sveglia la mattina e dice di essere il nuovo presidente. E Salvini sarebbe l’uomo forte contro i parrucconi dell’Unione Europea?”. Quindi ha concluso: “L’Italia deve avere coraggio. Il governo deve esclusivamente dichiarare che serve una soluzione politica appoggiando il tentativo di Messico e Uruguay di mediare nella crisi venezuelana. Il popolo italiano si ricorda o no cosa successe in Libia? Eppure ne stiamo ancora pagando le conseguenze. C’è qualcuno che davvero ritiene che abbiano buttato giù Gheddafi per i diritti umani violati? Si trattava di petrolio e basta, esattamente come in Venezuela. Io non ho alcun incarico di governo, ho le mie idee e sono sempre le stesse!”.

Non è la prima volta che Alessandro Di Battista polemizza con Matteo Salvini. Solo a metà gennaio scorso l’esponente del Movimento 5 stelle aveva criticato la partecipazione del leader leghista all’evento sulla giustizia, una cena in un prestigioso palazzo al centro di Roma, organizzato dalla giornalista Annalisa Chirico al quale erano presenti anche diversi esponenti del Giglio Magico renziano, tra cui Maria Elena Boschi e il tesoriere del Pd Francesco Bonifazi. “Ma Salvini che ci va a fare a una cena da ancien régime insieme alle Boschi, ai Letta, ai Lotti e ai Carrai? Oltretutto certi soggetti sono ormai come i fili della luce. Quel mondo lì è un mondo grigio dal quale chi parla di cambiamento farebbe bene a starne lontano. Molto lontano”, aveva scritto in quell’occasione, sempre su Facebook, Di Battista. Ma è stato solo l’ultimo episodio, tant’è che più volte, con i suoi interventi, ha creato tensioni tra i soci di governo. Nota la sua opposizione al Tap ad esempio. Oppure al Tav: l’ex deputato M5s si è sempre dimostrato contrario alla linea leghista, definendo l’opera “la più grossa sciocchezza che possa fare questo Paese”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sardegna, 21enne con la Sla si candida con Berlusconi: ‘A Fi interessano mie lotte. Fontana? Ha interrotto i contatti’

prev
Articolo Successivo

Lino Banfi all’Unesco, Meloni: “Dicono che fosse destinato all’Unicef. Ma Di Maio non sa distinguerli”

next