“Noi siamo il vero cambiamento“. È il nuovo segretario generale Cgil, Maurizio Landini a rivendicare, dal palco del XVIII congresso del sindacato, il primato di cui spesso si fregia il governo Lega-M5s. “Ho pensato subito di fare due cose da segretario generale: appena eletto sono andato ad un’assemblea dell’Anpi per dire che la resistenza contro il fascismo non è finita e dobbiamo continuare perché è un valore fondamentale al quale non possiamo rinunciare”, dice. E, continua’, “ho raccolto l’indicazione di Serena Sorrentino per la quale sarebbe utile andare oggi al Cara, quelli che il governo vorrebbe chiudere, e ci andremo perché sia chiaro che questa Cgil ha nel suo insieme un’altra idea di società”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

#10yearschallenge, dalla legge Biagi al reddito di cittadinanza. Com’è cambiato il lavoro in Italia

prev
Articolo Successivo

No, i robot non ci ruberanno il lavoro. Almeno non del tutto

next