“Le disuguaglianze non sono effetto di cambiamenti fuori dal nostro controllo, ma sono frutto di scelte politiche che abbiamo fatto e continuiamo a fare”: così l’economista Fabrizio Barca, a Genova per l’inaugurazione della Rassegna “Parole per la città, diseguaglianze, lavoro, nuove tecnologie”. Già Ministro per la coesione territoriale durante il governo Monti, anche a seguito del frustrante tentativo di rinnovamento delle dinamiche di partecipazione del Partito Democratico, Fabrizio Barca è tornato alla ricerca e allo studio e, con la Fondazione Basso ha fondato il ‘Forum Disuguaglianze e Diversità‘. “Un think tank di ricercatori e associazioni di cittadinanza attiva impegnati a disegnare proposte generali per l’azione collettiva e pubblica tese a ridurre le disuguaglianze”.

Così nell’affollato incontro di Genova sono stati anticipati alcuni passaggi delle proposte del ‘Programma Atkinson per l’Italia‘ che il Forum condividerà a marzo proprio allo scopo di “diffondere pratiche che possano trasformare paura e rabbia attualmente predominanti nell’avanzamento verso una società più giusta”.

La sfida sarebbe dunque quella di approfittare di questa fase critica “per trovare politiche concrete capaci di tornare ad accrescere la giustizia sociale, partendo da quanto di buono è già stato fatto in passato e viene portato avanti sul territorio, ribilanciando i poteri e cercando di incidere sul senso comune”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Legittima difesa, Salvini: “Entro il mese di febbraio il parlamento approverà la legge”. Poi i bacioni ai detrattori

prev
Articolo Successivo

Cagliari, Berlusconi dopo 12 anni torna sul predellino: “Realizzerò i vostri sogni”. Poi sbaglia la data delle elezioni

next