Romeo voleva fare una sorpresa alla sua fidanzata e, così, l’ha aspettata agli arrivi dell’aeroporto di Catania, in Sicilia. Si è fatto trovare con un palloncino a forma di cuore con la scritta: “Mi vuoi sposare?” e, appena l’ha vista, si è inginocchiato, ha tirato fuori la scatolina con l’anello e le ha fatto la fatidica proposta, tra gli occhi curiosi dei passeggeri presenti. Di certo non si aspettava la reazione della ragazza che gli ha risposto un secco “no” e se ne è andata via infastidita, lasciando di stucco il fidanzato e gli astanti.

Eppure il giovane Romeo aveva organizzato tutto nei minimi dettagli: aveva comprato un bell’anello, preparato un discorso accorato e persino coinvolto i gestori della pagina Facebook ufficiale dell’aeroporto Fontanarossa, che dovevano pubblicare un post sulla cosa. E il post c’è stato come da programma, peccato però che sia stato per raccontare la triste conclusione dell’episodio. Inutile dire che è stato inondato dai commenti e che la storia è diventata così subito virale in Rete, arricchendosi di nuovi dettagli.

Cose strane e romantiche che succedono a #CTAairport. Qualcuno/a di voi ha detto SÌ in aeroporto? Raccontateci tutto”, si legge a corredo dello scatto che mostra l’enorme palloncino. Come scrivono alcuni commentatori del post, presenti in aeroporto, un ruolo significativo lo avrebbe avuto anche la madre della ragazza: l’avrebbe trascinata via da lì senza pensarci due volte. “E’ scappata perché mancava il punto interrogativo“, ironizza qualcuno. E ancora: “Questo si che è un friendzone”. “Caro ragazzo guarda il lato positivo della cosa, non ti meritava. Chiusa una porta si apre un portone. E poi con una suocera così che la comanda a bacchetta, molto meglio così fidati“, scrive qualcun altro a supporto del giovane.

Video rilanciato da Emanuele La Piana

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabrizio Corona: “Il mio cuore appartiene solo a una persona. E lei è Belen Rodriguez”

prev
Articolo Successivo

Keira Knightely: “Kate Middleton? È peggio di Harvey Weinstein”

next